"Sanguinaccio", il dolce tipico della tradizione culinaria calabrese

Sapori di Calabria è la rubrica di CityNow che na

Sapori di Calabria è la rubrica di CityNow che nasce dall’intento di promuovere e far conoscere le più celebri ricette della nostra terra.

Ogni settimana vi proporremo infatti un piatto tipico calabrese, raccontandone la storia e descrivendovi i procedimenti per la preparazione. Oggi vi parliamo del Sanguinaccio.

Il Sanguinaccio è un dolce tipico della tradizione calabrese che viene preparato nel periodo della macellazione dei maiali, un’arte per lo più messa in pratica nel periodo che va da dicembre a febbraio, grazie alle temperature miti.

La correlazione tra il dolce e la macellazione dell’animale è dovuta all’ingrediente base di questo dolce calabrese che, come lascia presagire il nome, è il sangue del maiale. Il sanguinaccio può essere servito e preparato in tantissimi modo, la tecnica varia di famiglia in famiglia, ciò che conta è la tradizione.

Ingredienti:

  • 2 lt. di sangue di maiale
  • 1 lt. di vinocotto
  • 1lt. di latte
  • cioccolato q.b.
  • 1 tazza di noci sgusciate
  • 2 cuc.ni di cannella in polvere
  • 2 cucchiaio di chiodi garofano pestati

Preparazione

Il sanguinaccio viene preparato, come detto precedentemente, con il sangue del maiale raccolto al momento della macellazione. Il sangue viene versato in un recipiente e girato con un astuccio di canna per evitare la coagulazione. Successivamente riporlo in luogo fresco e asciutto. Dopo qualche giorno, viene colato e filtrato da eventuali coaguli che possono essersi venuti a formare.

Successivamente, viene cotto a fuoco lento insieme a fuoco basso facendo attenzione a mescolare lentamente. A questo punto aggiungete il vino cotto e, sempre mescolando, lo zucchero, la cioccolata fredda, il latte, la cannella, i chiodi di garofano.

Continuate a mescolare fino a quando il sanguinaccio non comincerà ad addensarsi come per una normale crema. Levate il dolce dal fuoco, versatelo in degli stampini e aggiungere le noci sbriciolate.

Buon appetito e al prossimo appuntamento con #SaporiDiCalabria!