Ancora medaglie per la reggina Anna Barbaro: seconda ai Mondiali di paratriathlon

A due mesi dallo splendido ed emozionante argento di Tokyo, Anna Barbaro regala altre importanti soddisfazioni

Si è chiusa nel migliore dei modi la stagione agonistica per  la reggina Anna Barbaro e la sua guida Charlotte Bonin: ai Mondiali di paratriathlon di Abu Dhabi, le atlete delle Fiamme Azzurre ha portato a casa la medaglia d'argento nella categoria PTVI, bissando, in questo modo, il secondo posto ottenuto due mesi fa ai Giochi di Tokyo 2020. Davanti all'azzurra solo la spagnola Susana Rodriguez, campionessa paralimpica in carica. Terzo gradino del podio per la britannica Alison Peasgood.

Podio sfiorato per il capitano Giovanni Achenza (Fiamme Azzurre), quarto nella categoria PTWC. Dopo l’impresa di bronzo a Tokyo 2020, l'azzurro ha chiuso con un comunque prezioso quarto posto mondiale alle spalle degli olandesi Jetze Plat e Geert Schipper e dell'austriaco Florian Brungraber.

Buona la prova di Federico Sicura (Zerotrenta Triathlon) che, guidato da Dario Chitti (Cus Parma), ha terminato in sesta posizione nella categoria PTVI. Non ha concluso la gara Veronica Yoko Plebani (707), categoria PTS2, che si è fermata durante la frazione di corsa.

"A circa due mesi dallo splendido ed emozionante argento di Tokyo, Anna Barbaro e Charlotte Bonin ci regalano un'altra grandissima soddisfazione conquistando l'argento anche ai Mondiali di Paratriathlon di Abu Dhabi. Un risultato straordinario che conferma la statura internazionale di questa fantastica coppia e la competitvità dell'Italia in questa disciplina.

Complimenti ad Anna e Charlotte e alla Federtriathlon per questo ennesimo prestigioso traguardo. Avanti così". È quanto dichiara Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.