Anassilaos organizza incontri di approfondimento sul terremoto del 1908

Nel 110° anniversario della catastrofe sismica del 28 dicembre 1908, l’Associazione Culturale Anassilaos organizza 4 incontri di approfondimento dedicati alle conseguenze del sisma

Nell’ambito della mostra documentale di Giuseppe Diaco dedicata al ricordo del 110° anniversario della catastrofe sismica del 28 dicembre 1908, in corso presso la Biblioteca Comunale di Reggio Calabria fino al 27 febbraio prossimo, l’Associazione Culturale Anassilaos, congiuntamente con la stessa Biblioteca, e con la partecipazione dell’Associazione Amici del Museo realizzerà presso la Villetta De Nava della stessa Biblioteca – con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria e della Deputazione di Storia Patria per la Calabria – quattro incontri di approfondimento dedicati alle conseguenze del sisma.

Il primo incontro sul tema:

1908, la ricostruzione: un’occasione persa per l’archeologia reggina

Relatore il Dott. Franco Arillotta, storico, componente della Deputazione di Storia Patria per la Calabria e Presidente dell’Associazione Amici del Museo, si terrà giovedì 10 gennaio alle ore 16,45  e affronterà una questione assai dibattuta negli anni immediatamente successivi al terremoto relativa all’opportunità di ricostruire altrove  la Città, creando nell’antico sito dove essa sorgeva, grazie anche a scoperte  di grande interesse storico-archeologico,  rese possibili  dalle distruzioni del terremoto, un grande parco archeologico.

Il secondo incontro previsto per giovedì 17 gennaio, sempre alle ore 16,45, relatore Mons. Antonino Denisi, Decano del Capitolo Metropolitano, storico, componente della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, sul tema:

La Chiesa reggina e la catastrofe del 28 dicembre

Ricorderà il contributo di sangue versato dalla Chiesa Metropolitana di Reggio Calabria con la morte della parte migliore del suo clero ma anche l’impegno nella ricostruzione della Città.

Il terzo  incontro – giovedì 24 gennaio sempre alle ore 16,45 – sul tema:

Le ricadute scientifiche della catastrofe del 28 dicembre

Relatore il del Prof. Giuseppe Mandaglio, già docente presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, si soffermerà sull’impulso dato dal tragico evento calabro-siculo, che ha attirato l’attenzione di studiosi europei e italiani (Mario Baratta,  Giovanni Platania, il giapponese Omori e lo stesso Giuseppe Mercalli che insegnò anche nella nostra Città) alle ricerche sismologiche al punto che si può quasi  dire che dal terremoto del 28 dicembre 1908 sia nata la moderna sismologia.

L’ultimo incontro – giovedì 31 gennaio sempre alle ore 16,45 – sul tema:

Dalla catastrofe alla ricostruzione

Relatrice l’ Arch. Daniela Neri,  Funzionario responsabile del Settore Cultura del Comune di Reggio Calabria, che al tema ha dedicato studi e ricerche, affronterà, invece, il problema della ricostruzione della Città, lenta e sofferta a causa dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, oggetto di dibattiti e discussioni anche  aspre, frutto di modi diversi di concepire e immaginare la nuova città, di gelosie e rivalità personali, di interessi anche privati. A condurre tutti gli incontri sarà la Dr.ssa Marilù Laface, responsabile della Sezione Beni Culturali di Anassilaos.

Seguici su telegramSeguici su telegram