Reggio, lunghe file all'Asp di via Willermin: l'appello per gli anziani

"Grave che perone anziane debbano sottoporsi a file defatiganti". La segnalazione dell'Associazione per i diritti degli anziani

L'Ada (Associazione per i diritti degli anziani) di Reggio Calabria, facendosi interprete delle numerose segnalazioni di cittadini anziani, chiede interventi immediati alle istituzioni competenti per potenziare i servizi sanitari offerti presso la struttura di via Willermin.

Analisi in via Willermin

È grave, infatti, che persone anziane debbano sottoporsi in ore antelucane e talvolta con condizioni meteo avverse a file defatiganti e talvolta causa di spiacevoli alterchi per poter avere assegnato il numeretto per effettuare un prelievo di sangue.

È inaccettabile che la sanità pubblica contingenti numericamente, in via ordinaria, le prestazioni da erogare ai cittadini contribuenti che hanno titolo a servirsi delle strutture pubbliche del servizio sanitario nazionale.

Il contingentamento delle prestazioni offerte e il sistema di assegnazione della prenotazione, poi comporta che spesso le persone, soprattutto anziane, attendono inutilmente l'assegnazione del numeretto poiché fuori dal contingentamento numerico.

Questo stato di cose che colpisce diritti e bisogni primari, a parere dell’Ada Reggio Calabria, provoca inevitabilmente un dirottamento, di fatto, delle persone presso le strutture private - che dovrebbero concorrere e adiuvare i servizi pubblici - di cui alcune, fra l'altro, avendo esaurito il budget assegnato in convenzione con la regione, prestano il servizio a pagamento pieno.

A prescindere da altre valutazioni, poiché risulta che il personale in essere presso questa attività di via Willermin la esercita con notevole spirito di servizio ai limiti delle proprie possibilità, quali sono i reali motivi e/o le cause (carenza di personale?, input direzionali organizzativi errati?) che ostano al mettere fine a questa situazione "emergenziale" e quindi eliminare i disagi e le difficoltà, anche economiche, che soprattutto gli anziani, e la cittadinanza da tempo ormai sopportano? Ci si attende che  chi di competenza dia riscontro e positive risposte in merito.

Mario Neto - Presidente Ada Reggio Calabria