Coronavirus, l'Iss: "Vaccini altamente efficaci contro varianti Alfa e Delta"

Alta efficacia nei confronti dei ricoveri (92% nella fase Delta contro 95% nella fase Alfa) e decessi (91% fase Delta contro 97%)

L'efficacia dei vaccini anti-Covid "rimane alta" rispetto alle varianti Alfa e Delta del virus, anche se si rileva un leggero calo rispetto alla Delta. Lo rileva il Report di sorveglianza dell'Istituto superiore di sanità. In ogni caso, si sottolinea l'efficacia preventiva nei confronti di ricoveri (92% nella fase Delta contro 95% nella fase Alfa), terapie intensive (95% fase Delta contro 97% fase Alfa) e decessi (91% fase Delta contro 97%).

Il report aggiornato dell’Iss registra come negli ultimi 30 giorni il 20,2% delle diagnosi di SARS-COV-2, il 31% delle ospedalizzazioni, il 31,9% dei ricoveri in terapia intensiva e il 42,1% dei decessi negli over 80 siano avvenuti tra coloro che non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino.

"Si evidenzia che nel momento in cui le vaccinazioni nella popolazione raggiungono alti livelli di copertura, si verifica il cosiddetto effetto paradosso per cui il numero assoluto di infezioni, ospedalizzazioni e decessi può essere simile tra vaccinati e non vaccinati, per via della progressiva diminuzione nel numero di questi ultimi", si legge nel documento.