Calabria, evade dai domiciliari per evitare la moglie: la Cassazione lo assolve

"Preferisco andare in carcere piuttosto che stare a casa con mia moglie" ha detto l'uomo che si è costituito ai Carabinieri

Una storia dai tratti assurdi, ma reali. Un uomo di Crotone, soggetto agli arresti domiciliari è uscito di casa infrangendo la legge ed è andato spedito nella caserma dei carabinieri più vicina alla sua abitazione.

Uomo evade dai domiciliari per evitare la moglie

"Preferisco andare in carcere piuttosto che stare a casa con mia moglie", ha detto il detenuto, dopo l' ennesimo litigio. Così, oltre alla pena da scontare, una seconda condanna: quella per evasione.

L'uomo, infatti, sarebbe uscito sarebbe di casa e sarebbe andato direttamente in caserma, chiedendo di venire portato in carcere perché non voleva più abitare con la moglie, con la quale litigava costantemente.

I domiciliari erano diventati la peggiore delle condanne. Tanto da spingere l'uomo, letteralmente, a fuggire e a chiedere asilo in caserma.

L'assoluzione della Cassazione

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il Tribunale di Crotone, prima, e la corte d'appello di Catanzaro, poi, avevano disposto 2 mesi e 20 giorni di reclusione aggiuntiva per il marito insofferente, accusato di evasione. Pochi giorni fa, la decisione è stata annullata senza rinvio in quanto "l'imputato non è punibile per la lieve entità del fatto e anche perché non avrebbe fatto deviazioni lungo il percorso".