Altamura celebra la 'festa del pane 2021'. Klaus Davi: 'È il più apprezzato d'Italia'

La città lo sforna da centinaia di anni contribuendo quotidianamente a mantenere elevato il livello del food italiano nel mondo

Una recente indagine promossa dalla prestigiosa agenzia di comunicazione Klaus Davi & Co. ha fatto emergere che il pane più apprezzato in Italia è quello di Altamura. Un risultato importante che premia non solo il grande lavoro di generazioni di fornai e panificatori ma anche dei componenti dell’intera filiera, ovvero i coltivatori di grano duro e i molitori.

In occasione del “World Bread Day - Giornata Mondiale del Pane 2021” il Consorzio di Tutela e Valorizzazione del Pane di Altamura DOP ha organizzato una giornata interamente dedicata al re dei prodotti da forno, nella città che da centinaia di anni lo sforna, contribuendo quotidianamente a mantenere elevato il livello del food italiano nel mondo.

Le origini del pane di Altamura

L’evento “Le origini del pane di Altamura” si terrà nella Città del Pane il 16 ottobre 2021 con l’obiettivo di celebrare e raccontare un prodotto che grazie alle sue caratteristiche uniche è riuscito a conquistare i palati e le tavole degli italiani.

Convegni, laboratori, presentazione di libri e degustazioni; il ricco programma della giornata sarà valorizzato dalla partecipazione di alcuni prodotti dell’eccellenza italiana nel mondo: Prosciutto di Parma, Parmigiano Reggiano, formaggio Asiago, Burrata di Andria, Olio Dauno, Cipolla di Margherita di Savoia, Lenticchia di Altamura. Prodotti che solitamente vengono consumati anche in accoppiata col pane di Altamura.

Un’occasione straordinaria per stringere e avviare rapporti di collaborazione, raccontare le proprie esperienze territoriali, portare a conoscenza di tutti le proprie best practices. Klaus Davi, autore della ricerca che ha premiato il pane di Altamura come il preferito dagli italiani, illustrerà i dati del proprio studio.

La giornata si avvale del patrocinio di: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Altamura, Diocesi di Altamura-Gravina in Puglia-Acquaviva delle Fonti, Parco Nazionale dell’Alta Murgia, Gal Terre di Murgia e Archivio Biblioteca Museo Civico.

Gli eventi si terranno in due location adiacenti al bellissimo centro storico di Altamura: l’ex monastero del Soccorso (Piazza della Resistenza 5) e l’atrio del liceo Cagnazzi (Piazza Zanardelli 30).

Il sogno di "Altamura città del pane"

"In questi anni - ha dichiarato Luigi Picerno, dal 2014 presidente del Consorzio - abbiamo affrontato con determinazione le difficoltà e le insidie del mercato globalizzato e al contempo ne abbiamo colto le opportunità, consapevoli che un prodotto territoriale come il Pane di Altamura deve rispettare precisi standard qualitativi.

Apprendere che il nostro pane è il più apprezzato dagli italiani significa che il lavoro e la strada intrapresa sono stati quelli giusti. Cosa sogno? Sogno Altamura città italiana del pane. Perchè questa città, attraverso i suoi artigiani, non ha diffuso e promosso solo il suo pane ma la cultura della panificazione italiana nel mondo".

"Si tratta della prima edizione di un festival - spiega Nicola Lorè, direttore del Consorzio - che intendiamo organizzare ogni anno in occasione della Giornata Mondiale del Pane.

L’obiettivo è quello di valorizzare e promuovere il pane più noto d’ Italia e coinvolgere tutti i maestri panificatori delle città di Altamura, Gravina in Puglia, Spinazzola, Minervino Murge e Poggiorsini, affinché colgano appieno l’enorme potenziale culturale, sociale ed economico del Pane di Altamura DOP, recentemente oggetto di un percorso di candidatura a patrimonio immateriale dell’UNESCO".