Lhabouclette, l'infallibile tecnica per capelli ricci parte da Reggio Calabria

LHAB è il primo centro in Calabria e, grazie a corsi e studi internazionali, oggi, forma veri e propri esperti del riccio

"Ogni riccio un capriccio". Di certo lo avrete sentito spesso dire, ma se così non fosse?

Il proverbio più utilizzato per descrivere irriverenti, dispettose e capricciose donne dalla chioma boccolosa probabilmente non è altro che il frutto di chi, negli anni, non si è preso la briga di ascoltare le necessità delle persone ricce che, non per niente, incontrano grandi difficoltà nel trovare, e poi continuare a frequentare, un parrucchiere, fino a farlo diventare "di fiducia".

È da questa schiacciante esigenza che LHAB, salone di parrucchieri di Reggio Calabria, è partito per dare vita al progetto "LHABouclette", oggi diffuso sul territorio.

LHAB, centro specializzato per capelli ricci

Lhabouclette 1

LHAB è il primo centro specializzato per capelli ricci in Calabria.

Dopo anni di lavoro nel settore bellezza, Brigida Marino si è resa conto che, tra i clienti, quelli maggiormente insoddisfatti sono, appunto, le persone ricce. I motivi? Sono principalmente tre:

  • difficilmente vengono ascoltate, spesso entrando nei saloni quasi nessuno li voleva seguire perché c'era la difficoltà di eseguire il lavoro su di un capello "non facile";
  • automaticamente si sono sentite messe da parte;
  • mancanza di preparazione specifica per un tipo di capello che è un mondo a sé.

LHAB ha percepito questa lacuna e si è messo in moto per colmarla, come sempre, al meglio. Come? Iniziando dalle fondamenta. Per diventare il primo centro specializzato per capelli ricci in Calabria, il salone reggino ha investito tempo e finanze, tutto con il solo obiettivo di soddisfare le esigenze di quella parte di clientela troppo a lungo "dimenticata".

"C'era questa grande esigenza - ha spiegato Bridiga a CityNow. Noi lo abbiamo intuito attraverso l'ascolto, sia del cliente che del territorio, che rappresenta uno dei principali tratti caratteristici della nostra attività".

Da qui i corsi di formazione in giro per il mondo, fondamentale l'accademia newyorkese che ha fatto si, grazie a specifici testi, di portare LHAB ad una grande scoperta: la scienza del riccio.

"Gli studi ci hanno portato a capire concetti chiave per il nostro lavoro. Il riccio è un modo di essere, è espressione di identità oltre che di unicità, perché non esistono due ricci uguali".

Approcciarsi al mondo dei ricci ha significato, per LHAB, cambiare prospettiva di lavoro e, dunque, creare un metodo che, con il tempo, è divenuto anche un marchio: "LHABouclette by LHAB".

Come nasce il metodo "LHABouclette"

Lhabouclette 2

Spesso (forse fin troppo) le persone ricce arrivano dai parrucchieri intimorite, poco fiduciose e molto guardinghe, per questo motivo il primo step del metodo La Bouclette è l'ascolto, quindi la consulenza che permette di capire quali siano le reali esigenze che le persone hanno e, soprattutto, permette di spiegare, in maniera anche dettagliata, i passaggi chiave su cui si fonda tutto il processo.

Da una parte c'è LHABouclette cut, taglio che si effettua su capelli asciutti, dall'altra LHABouclette treat, un trattamento per riattivare il riccio (attenzione, non si va a creare qualcosa che non c'è, ma si valorizza e si risveglia qualcosa che c'è già) e, infine, LHABouclette ritual ovvero l'illustrazione di quelli che sono passaggi e azioni che ogni persona riccia deve fare quando lava i capelli, quando li modella o quando vuole riprendere il proprio riccio.

All'interno del salone di Reggio Calabria, dunque, sarà possibile trovare la figura di Esperto del Riccio LHAB (ERL) che introdurrà la clientela al metodo LHABouclette che si fonda, come detto precedentemente, sui valori dell'ascolto, dell'informazione e della formazione, del benessere, della valorizzazione della diversità della persona, della libertà e della flessibilità.

Il marchio LHABouclette, visto il notevole successo riscontrato sul territorio, si è già messo in viaggio e, presto, valicherà i confini regionali.

Guarda il video