'Bianco è libertà', a Reggio un urlo collettivo e liberatorio per dire 'addio' alla zona rossa

Piazza Italia gremita da imprenditori e commercianti per l'iniziativa del Comitato 'Commercianti Reggini'

Da Piazza Italia volano in cielo i palloncini rossi, simbolo e sinonimo di una zona che si spera di non rivedere mai più. 'Bianco è libertà' è il messaggio che si eleva dall'iniziativa del Comitato Commercianti Reggini, la seconda nel giro di pochi giorni. Segno che c'è urgenza di voler comunicare le enormi difficoltà del settore imprenditoriale, segno che c'è una vasta porzione di cittadinanza oramai arrivata allo stremo.

La Calabria da lunedi tornerà zona arancione, è il momento perfetto quindi per far volare i palloncini rossi. "L'evento di oggi ha visto una grande partecipazione dei commercianti reggini. Si tratta soltanto del primo step di un percorso che ci auguriamo ci possa portare presto alla zona bianca", è l'augurio di Paoluccio De Stefano, uno dei promotori dell'iniziativa.

Stesso messaggio di speranza e riscatto anche da parte di Sasha Sorgonà, un altro dei promotori e membro del comitato Commercianti Reggini. "Oggi è solo l'inizio di un progetto che vuole essere propositivo, di riscatto e speranza del nostro territorio e in particolare del settore imprenditoriale messo in ginocchio dalla pandemia. Abbiamo raccolto tantissime adesioni in 48 ore, non ci aspettavamo una risposta così numerosa. Questo significa che il tessuto imprenditoriale reggino ha voglia di far sentire la sua voce e ritornare al più presto alla normalità, che significa poter tornare a lavorare", sottolinea Sorgonà.

Reggio Ripartiamo 1

Antonella D'Agostino si unisce a quanto detto dai colleghi, e lancia un messaggio particolare rivolto al settore della ristorazione. "Adesso non ci dobbiamo fermare, Reggio ha bisogno di progettualità e sviluppo. Il messaggio che lanciamo oggi è anche in difesa del settore della ristorazione, tra i più penalizzati dalle chiusure. Continueremo il nostro percorso di sensibilizzazione perchè Reggio Calabria deve al più presto tornare prima alla zona gialla e speriamo presto anche la zona bianca".

Piazza Italia vede la partecipazione di imprenditori di tutti i settori, segnale evidente che la rabbia diventata con il tempo disperazione è trasversale. Servono risposte immediate, l'iniziativa 'Bianco è libertà' vuol rappresentare un grido di dolore ma al contempo un urlo di speranza."Siamo persone perbene, non facinorosi o negazionisti. C'è il massimo rispetto per la comunità scientifica ma al contempo la nostra battaglia è in difesa del nostro diritto di poter lavorare. E proseguiremo su questa strada, con civiltà ma anche con la determinazione di vedere i nostri diritti riconosciuti", sottolinea Remo Frisina.

 

Reggio Ripartamo 4