È nelle librerie il nuovo romanzo di Giovanni Suraci: “Due verità svelate”

Dai primi riscontri l’apprezzamento è esteso, soprattutto perché “Due verità svelate” mette in luce gli aspetti positivi della cultura calabrese

Intervista per CityNowGiovanni Suraci sull'ultimo libro dell'autore reggino. E' stato pubblicato con i caratteri della “Città del Sole edizioni” il suo secondo romanzo “Due verità svelate” che dopo “Era fame di vita” continua a raccontare il nostro territorio: la Calabria e il Sud in maniera non convenzionale.

Cosa la spinge a scrivere questi libri?

Principalmente l’amore per la nostra terra che è spesso raccontata esclusivamente per fatti negativi. Non è possibile continuare a narrare il Sud attraverso i tanti luoghi comuni che fanno notizia, mettendo da parte lo sforzo di tanti calabresi che si adoperano per uscire fuori da un isolamento culturale che, purtroppo, al momento ci vede perdenti. Abbiamo il dovere di riappropriarci del nostro passato. Oggi è necessario mettere in evidenza la storia, le tradizioni, la cultura della nostra popolazione per farla diventare simbolo di un riscatto morale che ci appartiene. Dobbiamo raccontare che c’è una Calabria che si ribella alla cultura della subalternità.

A suo parere come si può riscoprire la cultura calabrese e apprezzare i tanti scrittori che, nonostante siano poco conosciuti, hanno raccontato il Mezzogiorno d’Italia?

Alcune volte la voglia di uscire da un complesso di provincialismo ci fa cadere nell’errore di avvitarci su noi stessi ed esaltare i tantissimi bravi scrittori di altre parti d’Italia, che sono e saranno sempre i benvenuti tra di noi, ma dopo i “flash” di una più che doverosa premiazione non lasciano traccia del loro passaggio. A mio avviso ci si dovrebbe soffermare maggiormente sui numerosi personaggi della letteratura che hanno segnato il racconto della nostra terra. Ce ne sono molti, ma gli unici che sono appena appena celebrati sono coloro i quali hanno vissuto fuori dalla Calabria. Le numerose e valide Associazioni Culturali presenti nella nostra città dovrebbero, a mio parere, essere più coese al fine di lanciare una “contaminazione” collettiva, a partire dalle scuole, per rilanciare la letteratura calabrese.

Ci può descrivere la trama di “Due verità svelate”

Anche questo romanzo offre al lettore una chiave di lettura diversa rispetto agli stereotipi, ormai consolidati, di assistere alla narrazione di un popolo senza valori, dove il mala-affare spadroneggia senza ostacoli. Franco, il protagonista del romanzo, non senza dolore, va via dalla Calabria ed emigra al Nord come i tanti milioni di persone, che nel periodo storico fotografato nel romanzo, sono costretti a lasciare la propria terra per sopravvivere. Franco al Nord scopre una realtà composta di luci e di ombre. Il contesto, siamo agli inizi degli anni ‘70, nonostante la presenza di tante persone perbene, è influenzato anche da un nascente capitalismo bieco e cinico, imperniato sugli affari più o meno leciti. Mentre dal Sud il protagonista, forse con codardia scappa senza lottare, in questo nuovo contesto ambientale decide di combattere per far valere i sani principi che la famiglia e i suoi maestri di vita gli avevano inculcato sin da bambino: rettitudine, orgoglio e dignità.

Questo nuovo romanzo come è stato accolto dalla critica?

Dai primi riscontri l’apprezzamento è esteso, soprattutto perché “Due verità svelate” mette in luce gli aspetti positivi della cultura calabrese. Tutti, oggi, ci dovremmo impegnare per ribaltare il senso di fatale vittimismo che per troppo tempo ha prevaricato sulla voglia di emergere da una pesante situazione di diffuso malessere. È necessario uscire fuori dagli schemi che nel tempo hanno, di fatto, condizionato le menti libere per narrare i valori positivi, la storia e le tradizioni della parte sana del popolo calabrese.

“Due verità svelate” quando sarà presentato a Reggio?

Dopo un primo piacevole e doveroso incontro di presentazione del libro nella storica piazza D. Romeo di Santo Stefano in Aspromonte, coordinato dalla giornalista Anna Foti, alla presenza del Sindaco Francesco Malara, dell’editore Franco Arcidiaco, il prossimo appuntamento sarà programmato a Reggio, in data da stabilire, misure anti Covid permettendo. Con l’editore, nel contempo, siamo in contatto con numerose scuole per far conoscere “Due verità svelate”, con l’auspicio che il romanzo per i temi trattati possa essere letto e apprezzato dagli studenti che rappresentano il futuro e la speranza per fare uscire la Calabria da un isolamento culturale che ormai dura da troppo tempo.

Pagina Facebook : CLICCA QUI