Due anni di Zio Fedele: un compleanno tra musica live e show cooking all'aperto

Tutti invitati al secondo anniversario del family bistrot di via Zaleuco che, con i suoi eventi e le sue speciali proposte ha conquistato davvero tutti

Zio Fedele compie 2 anni. Due anni dall'inizio di un'avventura fantastica. La famiglia Zaminga con il suo savoir faire ha conquistato giovani, meno giovani e famiglie che, nel locale di via Zaleuco hanno trovato un vero e proprio punto di riferimento.

Il family bistrot non può che celebrare questa occasione e festeggia con la musica, che da sempre è un aspetto fondamentale dello spirito del locale. Toccherà ad Alex Perdido, grande amico della family Zaminga, allietare gli ospiti della serata con la sua selezione di jazz, funk, soul. Come è stato all’inaugurazione due anni fa, in cui Perdido aprì insieme al grande Luca Scorziello.

“Sono felice di festeggiare insieme a Fedele e tutta la family Zaminga questo piccolo traguardo. Grande è l’affetto e l’intesa artistica che ci lega, che si è concretizzata nel Festival Zamundo, che ha visto esibirsi nel locale artisti internazionali come: Randome Recipe (Canada) Ikan Hyu (Svizzera), Zevinipim (Brasil) Bunna (Africa Unite), Joel Havea (Australia) solo per citarne alcuni. E la cosa singolare è stata che tutte le band che si sono susseguite a distanza di tempo ricordano Fedele, Paola e Angelita poichè hanno trovato un clima ed un’accoglienza singolare e molto familiare”.

Un compleanno a suon di musica e show cooking

Per l’occasione lo Zio più amato di Reggio uscirà dalla sua cucina, proponendo uno showcooking, tra musica e gli affezionati clienti che, in questi due anni, hanno apprezzato lo stile multietnico del locale.

Attraverso questo evento, la famiglia Zaminga vuole ringraziare tutti i suoi clienti che sono diventati veri amici.

"Ci sono stati vicini anche nella quarantena. Questa avventura, per noi, che ci siamo tuffati a capofitto con tanto entusiasmo, è stata una vera e propria sfida. Gestire un'attività, soprattutto a Reggio Calabria, non è sicuramente una passeggiata.

Noi, però, non ci siamo mai scoraggiati, neanche di fronte alle difficoltà ed agli ostacoli che abbiamo incontrato strada facendo. Ancora oggi lottiamo contro la burocrazia che non ci aiuta a superare il periodo di crisi che abbiamo passato".

Il bistrot è come una famiglia

"Ringraziamo la nostra squadra, ragazzi giovani e semplici che hanno voglia di lavorare e di mettersi in gioco. C'è chi è con noi dall'inizio, chi è salito sul treno in corsa, dopo qualche mese. Possiamo dire, però, che siamo uniti come una vera famiglia.

Ringraziamo Zac che con il suo fascino e la sua creatività è come un figlio piccolo per noi. Ringraziamo Ilham che, con la sua bellezza e precisione, colora la sala di fascino e mistero. Ringraziamo Umberto ed Edoardo, i ragazzi della cucina che a soli 20 anni riescono a gestire un menù complicato e ricco, sempre disponibili alle nostre esigenze ed a quelle dei clienti. Ringraziamo il nostro nipotino Seby che da poco è entrato nella squadra e ci delizia con i suoi primi piatti profumati e gustosi.

Un grazie anche Angela che anche se è entrata da poco a fare parte della famiglia già è parte fondamentale per noi, con la sua eleganza ha riempito di luce la casa dello Zio. Ringraziamo Salha che nonostante una famiglia non guarda mai l'orologio e fa uno dei lavori più pesanti dietro le quinte. Grazie anche a tutti quelli che hanno fatto parte della nostra famiglia e che hanno lasciato un segno. Grazie a Happy, Simona, Balla, Giorgina, Marianna, Daniele, Demetrio, Paolo, Giuseppe, Gabriele, Fabiana, Mika, Elisabetta, Letizia, nostro cognato Mimmo. Grazie anche a Jeannette, la nostra cognatina nera che andandosene per esigenze familiari ha lasciato un vuoto tra i clienti e dentro di noi. Grazie al nipotino designer Antonio Aricó che ha reso Zio Fedele un luogo unico e accogliente. Grazie davvero".

Il bistrot che, in tutto questo tempo, ha proposto a reggini e turisti eventi e cibi sempre nuovi è molto più di ciò che è possibile "vedere":

"Un grazie particolare va a chi è dietro le quinte: la nostra mamma Vittoria che con la sua forza ha sempre una parola ed un consiglio che ci tira su e ci guida nei momenti più difficili. Il nostro papino Sciao conosciuto come Mastro Geppetto. Nonostante l'età, ha realizzato a mano tutto ciò che in legno dona calore e amore al locale.

Il fratellino Luigi che è sempre presente ed è un punto di riferimento per noi tutti. La nostra sorellina Chiara che ci riempie di consigli perché lei vede oltre. Grazie a Joshua e Soraya che ogni tanto ci danno una mano. Grazie a Manuela che,  con il suo sorriso è sempre presente. Grazie a tutti nipoti e nipotini, cognati &co! Siete tutti preziosi".

Paola Zaminga afferma, inoltre:

"Un personale grazie va a mio marito Said ed i miei figli Fares ed Amir che hanno accettato la mia assenza da casa e mi supportano con il loro amore. Non è facile lavorare "di notte". Se questo è possibile è perché Said è un padre stupendo ed un marito premuroso e speciale. La mia energia, quella che tutti conoscono, deriva dalla mia famiglia. Sono loro a darmi la carica giusta per affrontare le serate e, quando torno a casa e vedo loro dormire per me è una gioia indescrivibile. Anche se dopo tre ore mi svegliano la gioia è sempre la stessa. Avere una famiglia che ti sostiene è il segreto della felicità, anche nel lavoro".

I ringraziamenti, però, non finiscono qui:

"Grazie ad Angelita, titolare dell'attività, punto cardine e fermo della mia vita da sempre. E ovviamente grazie allo Zio, per lui non ci sono parole che tengano, grazie Fedele per aver creduto in noi".

Il bistrot di via Zaleuco che si distingue sempre per la sua professionalità e l'approccio diretto con il prossimo non manca di ringraziare anche i suoi principali fornitori: Horecando, Campari, Ciccio Tizimor e gli altri.

Il grazie più bello, più intimo e più sentito va, però, ad una persona che, purtroppo non c'è più:

"Un ultimo grazie il più speciale - spiega Paola - va a mia sorella Grazia. Lei ci guida da lassù. Ci manchi, ma sei sempre con noi".

Zio Fedele vi aspetta martedì 21 luglio dalle ore 18:30 per festeggiare e brindare insieme

"Che sia un aperitivo, una cena, un drink, un caffè, un dolcino o semplicemente un saluto, passa dallo Zio, ti aspettiamo perchè anche tu fai parte di questa famiglia".