Agenzia dei Monopoli a Gioia Tauro. Cangemi ad Abramo: 'Lagnanze infondate'

Il consigliere comunale di Gioia Tauro replica ad sindaco di Catanzaro che sembra non aver apprezzato la possibile scelta di Gioia Tauro come sede ADM

"Evidentemente, il sindaco di Catanzaro, dott. Sergio Abramo, ha mal digerito la notizia della probabile scelta,peraltro più che logica, di Gioia Tauro come sede dell’ADM (Agenzia dei Monopoli), che reputa presa a discapito del capoluogo regionale, che egli amministra e che sperava venisse preferito al centro pianigiano".

Ad affermarlo è il consigliere comunale di Gioia Tauro, Lino Cangemi.

"Ma diverse, e tutte pregevoli, sono le motivazioni che hanno determinato questa decisione: Gioia Tauro ospita il Porto e tutti gli scambi economici ad esso collegati, quindi, si pone come sede naturale dell’ADM".

L'esponente di Fratelli d'Itallia prosegue infatti:

"Ciò è dimostrato anche dalla strettissima collaborazione tra le due istituzioni (Autorità Portuale e ADM), diretta anche a rendere più efficiente e ramificata la rete di controllo delle merci che circolano nel Porto e a snellirne la burocrazia.

Pare che, nella prospettiva di un prossimo insediamento, il Direttore Generale dell’Agenzia Minenna sia venuto in città per visionare alcuni immobili e ne abbia già scelto uno".

Ed in replica alle parole del sindaco di Catanzaro il consigliere conclude:

"Le lagnanze di Abramo, risultano, perciò assolutamente infondate e l’unico che invoca una scelta diversa, dal carattere squisitamente campanilistico pare essere proprio lui".

Lino Cangemi
Consigliere Comunale Gioia Tauro
Fratelli d'Italia