Magico Alessandro Siani. Reggio Calabria torna a ridere di cuore

"Mi avete fatto sentire a casa, grazie Reggio". Alessandro Siani incanta il pubblico del Teatro Cilea

"Non ho trovato parcheggio".

Esordisce così Alessandro Siani sul palco del teatro Cilea di Reggio Calabria. Poche parole che, ancor prima dell'inizio dello spettacolo, gli sono valse il consenso da parte di tutto il pubblico. Il teatro comunale è gremito di gente: giovani, adulti, anziani e bambini.

Il comico napoletano non fa distinzioni d'età o di sesso, ma solamente tra Nord e Sud. Le 'due Italie' vengono messe a paragone di fronte agli occhi sbalorditi di un pubblico in visibilio che, finalmente a cuor leggero, può ridere delle sue 'disgrazie'.

Eh si, perchè stare al sud non è mica semplice. E Siani lo rimarca più volte nel suo intenso spettacolo.

"I guai sono tanti, non avete bisogno di me per ricordarlo. Questo è il motivo per cui ho scelto di chiamare questo spettacolo 'Felicità Tour'. Bisogna praticare la felicità, portarla in giro e divulgarla".

In questo viaggio artistico Siani è accompagnato dal maestro e compositore Umberto Scipione che, dal vivo, ha  suonato e scandito le diverse tappe cinematografiche della sua carriera. Da Benvenuti al Sud passando per il Principe Abusivo e si Accettano Miracoli per concludersi con Mister Felicità.

Un esordio d'oro quello a Reggio Calabria. Artista poliedrico ed instancabile, Alessandro calca il palcoscenico del 'Cilea' quasi come ne fosse il padrone, nato e cresciuto sotto quei riflettori che gli hanno regalato la notorietà.

"È la prima volta che vengo qui. Voi siete abituati bene, avete ospitato innumerevoli artisti chissà come finirà questa serata". 

Adesso abbiamo la certezza che non sarebbe potuta terminare in modo migliore. Se Alessandro Siani vi ha conquistato al cinema, come attore e come artista, dal vivo è impossibile distogliere da lui l'attenzione. L'alternanza di simpatici cliché e tematiche serie e importanti, impone allo spettatore di non lasciarsi mai andare durante lo spettacolo. Siani mantiene i reggini sempre vigili in attesa del prossimo 'affondo' o della prossima battuta.

"Sono qui per voi, per farvi riassaporare il gusto della felicità". 

E quale felicità può essere più grande dei nostri valori, delle nostre radici, delle nostre tradizioni. Siani ricorda alla comunità di Reggio Calabria quanto è bello essere terroni. In un Italia in cui 'Sud è sbagliato' è bello sentire di avere, ancora, un alleato che porta alto il nostro nome per tutta la Penisola.

"Il sushi, l'apericena, tutto organizzato c**zo f*ga cosa sono tutte queste cafonate".

Il pubblico del Cilea è insaziabile non smette di ridere neanche nei brevi momenti di pausa che il comico napoletano si concede per riprendere fiato.

Dalle differenze tra Nord e Sud si passa all'amore e, successivamente a ciò che rende uomini e donne così diversi eppur così particolari. Alessandro Siani conclude il suo fantastico spettacolo reggino con una massima che difficilmente i presenti dimenticheranno:

"Io lo dico sempre, noi del sud abbiamo una marcia in più perché siamo abituati a vivere nelle condizioni peggiori ed uscirne sempre. Dicono che per trovare la felicità dobbiamo muoverci, svoltare l'angolo, arrivare in fondo al tunnel. Ma i guai, quelli ti trovano sempre, anche quando stai fermo. Essere felici, però, è semplice.

 Quando si è da soli la felicità dura poco, ma se condivisa dura nu’ poco e’ cchiu. Grazie Reggio mi avete fatto sentire come a casa".

L'obiettivo 'divertirsi insieme'? Assolutamente raggiunto. 

 

Seguici su telegramSeguici su telegram