Basket, Dierre Reggio: Luca Laganà, il capitano confermato in biancoblu

Reggino nell’anima e nel cuore. Conferma importante e rappresentativa

Luca Laganà è stato il Capitano ed il faro della Dierre, all’interno del primo anno nel difficile campionato di C Gold Calabria/Sicilia facendosi valere con entusiasmo, coraggio e passione. Classe 1991 è uno dei giocatori più rappresentativi della città di Reggio e non solo. Figlio d’arte, suo padre Lucio è stato uno dei giocatori reggini più forti di sempre volato in A1 con la grande Viola, Luca ha mosso i primi passi nella squadra di famiglia,la Lumaka per voi formarsi nel Cap Reggio, sotto la guida del Professore Melara giocando, da giovanissimo nella vecchia Serie C regionale.

Successivamente, si è formato in una delle scuole di Basket più prolifiche ed organizzate d’Italia, la Pallacanestro Reggiana, giocando al fianco degli azzurri Melli e Cervi, accanto a talenti del calibro del fratello minore Marco, Pini, Viglianisi e non solo.

Membro stabile delle nazionali giovanili ha proseguito la sua carriera in A2 a Imola. In B ha giocato con la Cestistica Bernalda e Viola prima di fare ritornare nella sua “Reggio”.

Tante esperienze, da condottiero dominante e Capitano vero con le canotte di Val Gallico e Lumaka.

Personaggio poliedrico ed impegnato a trecentosessanta gradi: Referente Tecnico Provinciale per la città di Reggio Calabria nelle selezioni maschili, Formatore nazionale del minibasket, Dottore in Scienze della Comunicazione,punto di riferimento calabrese delle attività di 3X3, attivo nel sociale per il bene del territorio calabrese e, ovviamente, del suo primo grande amore, la pallacanestro.

 

 

“Per me non poteva essere diversamente, non sono abituato a lasciare le cose a metà o a non farle nel migliore dei modi, soprattutto se la società e lo staff mi riconoscono una responsabilità importante come quella di un Capitano - sono queste le parole del reggino Laganà.

Sono estremamente motivato per la prossima stagione, vogliamo fare meglio, alzare l’asticella e, soprattutto, divertirci e divertire. Personalmente mi piacerebbe giocare in un palazzetto sempre pieno che diventi l’arma in più di una squadra che ha tutto per provare a sorprendere. Vorrei ringraziare il Presidente Roberto Filianoti, il Direttore Daniele Saccà e Coach Rugolo per la fiducia che continuano a riporre in me. La stagione è alle porte ma la voglia di fare bene è già sul campo, forza Dierre”