Belardi: "Vi dico perchè ho lasciato la Reggina. Incontrerò Iiriti."

La prima intervista rilasciata dallex responsabile del settore giovanile amaranto dopo le dimissioni

Dichiarazioni di una certa importanza quelle rilasciate da Emanuele Belardi riguardo l’interruzione del rapporto con la Reggina nonostante un contratto triennale:

La prima cosa che voglio dire è che le mie dimissioni non hanno nulla a che fare con l’aspetto economico, anche perchè non avrei ovviamente lasciato un contratto triennale. C’era grande entusiasmo la scorsa estate, poi con il passare del tempo promesse non mantenute e mancanza di rispetto dei ruoli mi hanno spinto a fare questa scelta, ho una dignità e non scendo a compromessi. C’è stato un momento in cui successivamente sono stato convocato da Taibi e Branca per rimettere le cose a posto, ma nel momento in cui ci si confrontava, la società annunciava il nuovo allenatore della Berretti. Capite bene che non vi era alcun presupposto per poter continuare. Ho avuto un confronto con il presidente Praticò e delle tante cose che gli ho riferito lui non ne era al corrente.

Belardi ha poi continuato:

Mi dispiace che le mie dimissioni abbiano potuto creare disagio ai ragazzi del settore giovanile ed ai genitori ma la mia scelta non poteva essere cambiata. Non amo i protagonismi tanto è vero che dal mio insediamento fino alle mie dimissioni non ho mai rilasciato alcuna intervista, dando spazio sempre ai miei collaboratori. Ho scambiato qualche battuta con il DG Iiriti e mi ha dato l’impressione di una persona concreta. Con lui sicuramente ci risentiremo per discutere non necessariamente di un mio ritorno. Confermo di avere ricevuto proposte da qualche società molto importante.

Questo uno dei tanti passaggio di Emanuele Belardi ospite della trasmissione Momenti Amaranto in onda su Video Touring

Seguici su telegramSeguici su telegram