Reggio - Consiglio comunale e bilancio, Marcianò si tira fuori: 'Io non ci sarò'

"Chiedere ai consiglieri di presentarsi in fretta e furia, altrimenti arriva un'altra sciagura, è un'offesa alla città". Le parole del consigliere comunale

"Non mi abituerò mai alla sciatteria e alla sprovvedutezza amministrativa perché è stata la causa della nostra “certificata” deficitarietà".

Lo ha scritto, qualche ora fa, in un post su Facebook, Angela Marcianò. Rientrata da poco nell'aula Battaglia, occupando il posto che, durante la sua sospensione, era stato occupato da Filomena Iatì, il consigliere di "Impegno e Identità" ha annunciato ai cittadini la sua assenza nel prossimo consiglio comunale convocato, letteralmente, dall'oggi al domani.

"La Città di Reggio Calabria è sull’orlo del precipizio ed ancora la maggioranza agisce come una classe di ragazzini ripetenti che “tenta di non perdere l’anno”, presentandosi con l’ennesimo argomento a piacere, per giunta all’ultima ora dell’ultimo giorno di scuola! Basta scorciatoie che si ritorcono contro i nostri concittadini. Per far migliorare le cose si deve studiare, lavorare per tempo ed arrivare pronti alle scadenze importanti.

Siamo anche disponili a collaborare - ha aggiunto Marcianò - a dare una mano, ma occorre programmare obiettivi e controllare i risultati raggiunti. Chiedere ai consiglieri comunali di presentarsi alla commissione bilancio domani mattina e ad al consiglio comunale domani pomeriggio (convocato OGGI alle ore 11 di domenica per lunedì) in fretta e furia, altrimenti arriva un’altra sciagura e non si può approvare neppure il bilancio: è un’offesa alla città".

Il consigliere ha infine concluso:

"Io non vi agevolerò nel mentre cercate di porre rimedio alla vostra incallita irresponsabilità perché gli effetti devastanti stanno affossando Reggio. IO NON CI SARÒ".