Calabria, cartelli sulla spiaggia per la tutela dei Gigli di Mare

Il giglio di mare fa parte dell'elenco della flora spontanea di alto pregio della Calabria

Riceviamo e pubblichiamo – Questi sono i cartelli che anche su richiesta di Italia Nostra il comune di Scalea si appresta  ad istallare nell’area di arenile interessata dalla presenza di gigli di mare  situata alla destra del Fiume Lao. I cartelli sono importantissimi, anzi essenziali: serviranno sia per  proteggere tale specie di flora spontanea di alto pregio, sia per informare doverosamente i  cittadini sulla conoscenza di questa pianta a rischio estinzione e  sulle sanzioni previste nel caso qualcuno le danneggi, le estirpi e le commercializzi.

Siamo contenti perché Italia Nostra sta contribuendo su questo territorio dell’Alto Tirreno Cosentino  ad accrescere la sensibilità per la tutela dell’ambiente e nello specifico per la  difesa della flora spontanea di pregio presente sulle nostre spiagge  e apprezziamo anche per questo ancor di più l’iniziativa del comune di Scalea.

Più volte abbiamo chiesto anche al comune di Praia a Mare di istallare, per le stesse ragioni,  uguale cartellonistica  su alcuni tratti di spiaggia anche per evitare i danneggiamenti ai gigli di mare, che questa estate sono stati  numerosi , visibilissimi e ripetuti, regolarmente segnalati da  Italia Nostra alle Autorità in più occasioni.

Nessuna risposta, silenzio assoluto.

In data 18 luglio 2019 Italia Nostra ha addirittura chiesto formalmente al comune  di Praia a Mare  l’AUTORIZZAZIONE a provvedere direttamente  ad apporre a propria cura e spese tale cartellonistica informativa.  Avrebbe raccolto la somma occorrente  con una sottoscrizione fra gli iscritti.

Anche così nulla da fare: nessuna risposta, nessuna spiegazione.

Lo chiederemo ancora, non ci stanchiamo tanto  facilmente, ma ci vuole tanta, tanta pazienza.

Tuteliamo la biodiversità, tuteliamo i gigli di mare, una pianta protetta in via di estinzione. Lo dobbiamo  a chi verrà dopo do noi: lo capiranno?

Seguici su telegramSeguici su telegram