La Calabria trionfa al Festival del Cinema di Venezia: a Favino la 'Coppa Volpi' con 'Padrenostro'

Si tratta di un traguardo storico per la nostra terra

Pierfrancesco Favino ha ricevuto la Coppa Volpi nel corso della 77ma Mostra del Cinema di Venezia per la sua interpretazione nel film ‘Padrenostro’ di Claudio Noce. Si tratta di un traguardo storico per la Calabria.

Padrenostro è un film girato in Calabria tra la Sila, la costiera Jonica e quella Tirrenica. Importante è stata l'intuizione del Location Manager, Roberto Barreca, abile a proporre dei luoghi inediti (rigorosamente calabresi) ammirati e valorizzati. Il reggino ha partecipato alla produzione di altri famosi film e fiction come, ad esempio: "Il Capo dei capi", "Liberi di scegliere", "SOLO",
"Zerozerozero", "Tutto il mondo è paese" e tanti altri.

Sono state numerose le gratifiche arrivate da parte delle Amministrazioni di Camini, Palmi, Casali del Manco e Aprigliano che si rivedranno sul "grande schermo" a partire dal 24 di settembre. L'opportunità è stata colta anche dalle strutture ricettive dei diversi luoghi, che hanno visto prolungarsi, di fatto, la stagione estiva. Il lavoro è stato consistente anche in un periodo dell'anno dove solitamente c'è poco movimento (settembre 2019).

Sono state valorizzate in questi territori anche delle professioni fino ad allora sconosciute, come ad esempio l'attrezzista di scena, l'assistente alla regia, i segretari di produzione e gli assistenti trucco e costumi.

Tutto questo è stato anche possibile grazie alla Film Commission, precedentemente presieduta da Giuseppe Citrigno, il quale aveva tra i suoi scopi principali quello di attivare l'intera filiera cinematografica creando reali possibilità occupazionali.