Caldo infernale in Calabria: a Reggio toccati 41.8 gradi

Reggio è considerata da bollino rosso per il ministero della Salute

Ristobottega

La Calabria resta nella morsa del caldo, così come, del resto, era previsto. Ieri le temperature hanno superato i 40 gradi in varie realtà, a cominciare da Reggio Calabria dove, alle 14, secondo i dati della Centrale multirischi di Arpacal, si sono toccati i 41,8 gradi. Reggio, peraltro, è considerata da bollino rosso per il ministero della Salute.

Anche a Crotone – riporta l’agenzia di stampa Ansa – si è arrivati a 41 gradi, così come a Cropalati, in provincia di Cosenza, ieri la città più calda della Calabria con 42,4 gradi raggiunti, poco sopra a Soverato (40) che oggi ha fatto registrare 40 gradi.


A peggiorare la situazione, l’umidità, che aumenta la sensazione di calore percepita di alcuni gradi, e il fatto che le temperature restano sopra i 30 gradi anche di notte.

Se i 41,8 gradi di Reggio è stata la temperatura più alta, anche negli altri capoluoghi si è boccheggiato, con temperature di 38,5 a Cosenza e 37 a Catanzaro e Vibo Valentia.

In conseguenza del gran caldo, città praticamente deserte e località marine e montane prese d’assalto in cerca di un po’ di refrigerio.