Il Castello Ruffo ospita la prima edizione di "Scilla Jazz Festival 2017"

Il Castello Ruffo di Scilla è pronto ad ospitare

Il Castello Ruffo di Scilla è pronto ad ospitare il "Scilla Jazz Festival 2017".

Una location perfetta per vivere la prima edizione della kermesse musicale nel piccolo borgo di Scilla. Dall'11 al 13 agosto si alterneranno all'interno delle storiche mura vere e proprie star del jazz contemporaneo come Javier Girotto, la compositrice salernitana Carla Marciano, il contrabbassista Aldo Vigorito e tanti altri.

Promotrice dell'iniziativa la giovane associazione culturale "Be-Art" formata da giovani reggini innamorati della propria terra. Decisivo il sostegno dell'Amministrazione comunale: il sindaco Pasquale Ciccone e l'assessore alla cultura Maria Gattuso hanno voluto fortemente inserire l'evento all'interno del calendario dell'estate scillese 2017.

Degustazioni di vino faranno da cornice all'evento "Scilla Jazz Festival 2017". Tra le altre sorprese, la presenza dei I white wave (Riccardo Gambatesa -batteria Alberto Parmegiani-chitarra).

2017-08-07-PHOTO-00000029

Il programma prevede l'apertura del Festival, venerdì 11 agosto a partire dalle 19:30 nella piazzetta Spirito Santo con la performance acustica del Duo semiserio.

Sabato 12 all'interno del Castello Ruffo invece un doppio appuntamento. Alle 19:30 si esibirà Pasquale Campolo Trio, gruppo molto apprezzato su palcoscenici locali e nazionali e alle 21:30 sarà la volta di Carla Marciano Quartet, le cui note sono apprezzate in tutta Italia ed oltre oceano.

"Scilla Jazz Festival" si concluderà domenica 13 agosto, sempre al Castello Ruffo e sempre con un altro doppio appuntamento. Alle 19:30 gli Aima quartet, artisti reggini con delle sonorità di grande interesse e dulcis in fundo i suoni e le vibrazioni del progetto New direction del quartetto Javier Girotto (star internazionale del jazz che vanta collaborazioni con i più grandi del panorama musicale jazz ed ospite fisso nei festival più prestigiosi).

2017-08-07-PHOTO-00000033

"L'obiettivo – afferma il presidente dell'associazione Francesco Barillà – è quello di portare avanti iniziative culturali che possano essere un volano di sviluppo per il territorio reggino e calabrese. Costituire un vero e proprio cartellone di eventi durante tutto l'arco dell'anno, dialogo e collaborazione con tutti i soggetti sani del territorio sono le parole d'ordine. Vogliamo unire in ambito culturale e creare momenti di alto contenuto artistico – continua Barillà - Il messaggio è breve e conciso: dà il senso di quelli che sono gli obiettivi della nostra giovane associazione culturale. Arte come opportunità di crescita culturale, economica e sociale. Arte per dare lustro a tante realtà che stanno ammuffendo. Arte come senso e contenuto nella vita reggina e calabrese. Arte per andare lontano, stando vicini alla nostra terra, arte per migliorare, arte per sconfiggere l'ignoranza".