Franceschini: 'Bolzicco discontinuo. La LFA Reggio voleva vincere subito, poi...'

"Campionato livellato verso il basso. E' troppo forte il Trapani o sono deboli le altre?"

Ristobottega

Ivan Franceschini ex difensore della Reggina e allenatore esperto soprattutto per un campionato come quello di serie D, dice la sua sulla squadra amaranto e il girone I dove appunto partecipa la compagine della LFA Reggio su Gazzetta del Sud: “Ho avuto modo di vedere la LFA Reggio due volte allo stadio, molto più spesso in tv. Ritengo sia un buon gruppo composto da calciatori che in passato hanno calcato campi professionistici come Barillà, Mungo, Adejo e Salandria. Secondo me negli intenti della dirigenza c’era già da quest’anno l’idea di lottare per il primato, poi le circostanze hanno preso una piega diversa a causa della mancata preparazione e altre problematiche. Arrivare tra le prima quattro non sembra complicato, anche perchè il campionato è livellato verso il basso. Ad eccezione delle big non vedo compagini di spessore. C’è sta stabilire se sia veramente forte il Trapani, oppure se sono gli avversari a essere deboli”.

L’attaccante e il Città di S. Agata

Ristobottega

Non è facile soprattutto in determinate categorie reperire centravanti di un certo livello. Bolzicco è discontinuo e sinceramente lo conosco poco. Sulla carta la Reggina è più forte del Città di S. Agata, guidato da mister Facciolo, scuola Zeman. Ma la compagine siciliana è in grado di mettere in difficoltà chiunque, ha in organico parecchi Under e già all’andata era riuscita a espugnare il Granillo. E’ partita per salvarsi e ora si trova a ridosso dei play off