Calcio, Gravina: 'Prossimo obiettivo l'apertura degli stadi'

Il presidente federale spera di farlo prima dell'inizio della prossima stagione

"Non sarò io il becchino del calcio": Frase che rimarrà certamente impressa per lungo tempo quella del presidente della FIGC Gabriele Gravina, nel periodo più buio per l'Italia causato da una pandemia di proporzioni mondiali e di conseguenza anche per il calcio. Con ostinazione e determinazione ed anche contro il parere iniziale di esperti e ministri, il presidente federale ha vinto la sua battaglia, facendo ripartire i campionati di serie A e B.

Adesso c'è un altro obiettivo da raggiungere che è quello dell'apertura degli stadi. Nell'intervista rilasciata al quotidiano Il Mattino ha dichiarato: "Mi auguro di riaprire gli stadi già in estate. Migliorando l’andamento dei contagi, spero si possa consentire un accesso parziale agli impianti di calcio. Sarebbe una straordinaria iniezione di fiducia e di entusiasmo.

Ho svolto con fatica e determinazione un compito in cui ho sentito forte il senso di responsabilità che il ruolo mi impone. Andare oltre gli interessi di parte è stato difficile, ma necessario".