Reggio, l'asilo nido comunale 'Il mago di Oz' apre le porte al pubblico - FOTO

Punto di forza caratterizzante per il nido comunale di Archi è la centralità della lettura per bambini grazie anche alla presenza di una biblioteca

Dal 9.06.22 è  disponibile sul sito del comune www.reggiocal.it il bando per procedere all'iscrizione dei bambini dai 3 ai 36 mesi ai nidi d'infanzia comunali.

Per questa occasione il nido comunale "il mago di oz" ubicato presso l'ex territorio circoscrizionale di Archi ha dedicato due giornate di apertura al pubblico, il 17 e il 22 di giugno. Numerosa è stata la partecipazione delle famiglie che hanno avuto la possibilità di visitare i locali e di ricevere tutte le informazioni relative alle attività, alla progettualità, all'organico e al resto delle linee giuda costituenti il file rouge che caratterizza il cuore del nido.

Mancano ancora alcuni giorni alla chiusura del bando, prevista per il 4 luglio. Per tale ragione, invitiamo tutti coloro che volessero visitare la nostra struttura, a contattare il numero 3346826547  per fissare un appuntamento pomeridiano per presentare la nostra realtà e il nostro lavoro.

Il nido d’infanzia comunale Archi di Reggio Calabria da ottobre 2019 è gestito congiuntamente dalla RTI composta dal Consorzio Parsifal con il tramite della sua consorziata la Cooperativa sociale Osiride e il Centro Nascita Montessori.

Il progetto educativo fonda le sue radici nel pensiero pedagogico di Maria Montessori e della sua allieva Adele Costa Gnocchi che fondò il Centro Nascita Montessori nel 1960. Il progetto pedagogico del nostro nido mette al centro il bambino e la sua capacità autoregolativa e il desiderio e bisogno di fare in prima persona per seguire il suo progetto di crescita interiore e non dettato dall’adulto. Il bambino nel suo percorso al nido incontra un adulto che non stimola ma si mette in ascolto e in osservazione dei suoi bisogni espressi tramite l’agire spontaneo. L’adulto legge, interpreti i suoi bisogni e organizza lo spazio e i materiali più adeguati al suo bisogno di scoperta e di fare in prima persona.

Spesso l’adulto costruisce i giochi più idonei ai bambini e li dispone nell’ambiente preparato alla sua altezza per consentirgli di utilizzarli quando lo desidera; consapevole che il desiderio di quell’utilizzo corrisponde ad una fase di crescita del bambino. Obiettivo del nido è quello di includere sempre di più le famiglie nel percorso esperienziale dei bambini dentro al nido e poter condividere con loro conoscenze, saperi, riflessioni con il fine di creare quell’alleanza educativa che consente a tutti gli adulti che ruotano attorno al bambino (educatrici, genitori, nonni, la comunità educante tutta) di diventare adulti attenti e rispettosi dei bambini. Obiettivo del nido è anche quello di includere al suo interno il territorio che circonda il nido perché diventi un bene comune, un luogo di ritrovo e riflessione

Il nido d'infanzia comunale è un servizio educativo che promuove il diritto dei bambini alla cura, all'educazione e all'apprendimento. Il nido si qualifica come "istituzionale educativa". L'obiettivo fondamentale è quello di favorire in ciascun bambino la massima autonomia e favorire l'evoluzione del suo sviluppo armonico. Il servizio si propone di offrire ai bambini un luogo di crescita e rappresenta il primo momento in cui ogni famiglia entra in rapporto con il sistema educativo, occorre pertanto promuovere con adeguate iniziative di partecipazione, un rapporto di reciproco riconoscimento e valorizzazione.

Il primo passo verso questo obiettivo è stato fatto proprio durante queste giornate di visita, in cui l'apprendimento della realtà costituente la sostanza delle giornate vissute dai bambini, possano diventare, con il nostro racconto una finestra concreta e vicina alla realtà che vivranno.

Punto di forza caratterizzante il nido comunale di Archi è la centralità della lettura per bambini. Dal gennaio 2021 è stata istituita la biblioteca interna al nido per il servizio prestito alle famiglie dei numerosi testi selezionati per la prima infanzia. L’attività della Biblioteca ha come scopo principale quello di educare al piacere della lettura offrendo ai bambini letture di qualità, frutto di un’attenta selezione e proponendo testi di supporto e riflessione ai genitori. È fondamentale creare un rapporto di familiarità tra il libro e il bambino che ancora non sa leggere perché la voglia e il gusto di leggere sono il frutto di una paziente costruzione che è bene che inizi sin dai primi mesi di vita.

La biblioteca ha anche lo scopo di educare i bambini ad aver cura dei libri, sia al nido, sia a casa e a considerarli beni irrinunciabili e preziosi anche dal punto di vista materiale. Prolungando quindi l’attività di lettura che avviene al nido anche all’interno delle famiglie, condividendo così strumenti e finalità educative. Con la conclusione dell’emergenza covid è stato possibile riavviare i laboratori di lettura all’interno del nido. Un "Viaggio tra i libri" che vede ogni incontro come un momento per esplorare insieme il territorio straordinario che i libri aprono, quello del pensiero, delle esperienze, dei sentimenti e delle possibilità. Perciò sono stati selezionati dei libri per offrire ai bambini esperienze diversificate di ascolto e di partecipazione alla lettura stessa.

Ci saranno così incontri di narrazione, alternati a incontri ludici (motorio-musicale-di scoperta. Arricchendo così la proposta narrativa offerta ai bambini che già quotidianamente fruiscono degli spazi lettura realizzati dentro ogni sezione. A conclusione dunque dell’anno educativo è stata organizzata una “caccia al tesoro del bruco Maisazio”. Percorso ludico che coinvolge tutte le famiglie del nido ispirato al libro “Il piccolo bruco Maisazio” di Eric Carle considerato un capolavoro della letteratura per l’infanzia, pubblicato nel lontano 1969 negli Stati Uniti che mantiene a tutt’oggi un’invidiabile freschezza e che continua a coinvolgere generazioni di bambini. Il bruco Maisazio è stato il libro più richiesto durante quest’anno nel servizio di prestito della nostra piccola biblioteca. L’evento vuole anche essere un omaggio al grande scrittore che lo scorso anno ci ha lasciati, ma che ha regalato nella sua vita numerosi libri molto amati e apprezzati dai bambini.