Reggio, un gruppo di lavoratori manifesta all'Arena dello Stretto

Si fanno chiamare "Mascherine tricolore" come simbolo di quel Governo da cui attendono, ancora, gli aiuti promessi

Riceviamo e pubblichiamo la nota di un gruppo di lavoratori, "le mascherine tricolore", scese in piazza a manifestare contro i mancati aiuti del governo nazionale.

"Dopo l'azione che ci ha visti protagonisti in più di settanta piazze italiane, oggi siamo tornati in piazza, precisamente all'Arena dello Stretto, contro chi evidentemente vuole milioni di disoccupati, di imprenditori falliti e di famiglie alla fame.

La situazione è drammatica e non intendiamo rimanere in silenzio a vedere fallire le nostre attività o vedere sfrattate le nostre famiglie. Siamo lavoratori, imprenditori, madri, padri, partite IVA: tutte persone che stanno ancora aspettando le misure di aiuto promesse da più di due mesi dal Governo Conte.

Non abbiamo paura delle multe, stare in piazza è un diritto: non saranno repressioni e divieti a fermare la nostra voce.

Il nostro obiettivo è uno: combattere per difendere il futuro dell’Italia e delle nostre famiglie. Le mascherine che portiamo non sono un bavaglio ma un atto di accusa contro chi ha deciso colpevolmente di far fallire un’intera Nazione".