Melito di Porto Salvo, all'ospedale Tiberio Evoli torna 'Cardiologie aperte'

Un appuntamento importante in chiave preventiva: possibilità di visite ed esami gratuiti, anche senza prenotazione

Torna “Cardiologie aperte” con possibilità di visite ed esami gratuiti, anche senza prenotazione. Un appuntamento importante in chiave preventiva, ospitato al “Tiberio Evoli” dal reparto dell’unità operativa di Riabilitazione cardio-respiratoria

La ripartenza dell’iniziativa dopo i tre anni di stop imposti dalla pandemia, avrà un focus specifico sulle donne. Come nelle giornate del 14-15 febbraio, anche oggi sono in programma consulenze telefoniche tramite numero verde 800052233. Sabato 17, dalle 9 alle 13, invece, tutto il personale del reparto sarà disponibile per chiunque voglia essere sottoposto a test di valutazione del rischio cardiovascolare, con elettrocardiogramma, misurazione della
pressione arteriosa, colloquio diretto con gli specialisti.


Come nelle precedenti edizioni, l’unità operativa di Riabilitazione cardio-respiratoria di cui è responsabile la dottoressa Bruna Miserrafiti, ha aderito con convinzione all’evento nazionale promosso da “Anmco” e dalla fondazione”Per il tuo cuore”. Il tema scelto per l’edizione 2024 è: “Le malattie cardiovascolari nelle donne”.

La giornata conclusiva proporrà anche un’interessante appendice pomeridiana, riservata a una serie di approfondimenti tematici trattati da specialisti.
Proposto sotto forma di evento divulgativo, l’appuntamento di sabato 17 febbraio (ore 15-17,30) sarà dedicato alla prevenzione delle malattie cardiovascolari nella donna.

Previsto l’intervento di specialisti e personale sanitario dell’ospedale “Tiberio Evoli”.

Questa la scaletta: apertura dei lavori con relazione su “Rischio cardiovascolare nella donna”, a cura della dottoressa Misserafiti. A seguire prenderanno la parola l’ostetrica Paola Infortuna ( Donne e menopausa: come promuovere la salute nelle donne in menopausa); la dottoressa Anna Scordo (Il rischio cardiovascolare nelle donne con diabete); il dottore Giovanni Perrone (Attività fisica e malattie cardiovascolari).