"Decreto Reggio, tutto tace. Quando il via libera per i nuovi alloggi popolari?"

Riceviamo e pubblichiamo la nota di alcune associazioni reggine: "Il diritto alla casa per famiglie povere continua ad essere trascurato dall’Amministrazione Falcomatà"

Il diritto fondamentale alla casa per le famiglie più povere continua ad essere trascurato dall’Amministrazione Falcomatà.

Nel 2016, con una delibera di consiglio comunale, si scelse di destinare ad altre opere il finanziamento di 11 milioni di euro del Decreto Reggio prima  finalizzato all’edilizia residenziale pubblica. Una scelta effettuata senza alcuna considerazione per le centinaia di famiglie vincitrici del bando 2005 e in emergenza abitativa, tuttora in attesa dell’assegnazione di un alloggio.

Lo scorso 18 febbraio, l’Osservatorio sul disagio abitativo  ha presentato al Comune una  petizione popolare, firmata da oltre cinquecento cittadine e cittadini,  con la quale si è chiesto  il ripristino del finanziamento  di 11 milioni di euro per l’acquisto di nuovi alloggi popolari, da assegnare alle famiglie aventi diritto. Alloggi reperibili nel volume complessivo di immobili vuoti, abbandonati o in disuso, dei quali la cittá abbonda in ogni quartiere.

L’11 luglio scorso, dopo cinque mesi dalla presentazione della petizione, la Giunta Comunale, con delibera nr 145, ha risposto positivamente alla Petizione popolare, definendo il percorso da seguire per il ripristino dei fondi e quindi per la rimodulazione del Decreto Reggio.

Da quella data tutto tace.

Tuttora non si è conoscenza della data in cui il Consiglio Comunale dovrà ratificare la decisione della Giunta. Indefiniti quindi anche i tempi delle azioni successive. Con il finanziamento del “Decreto Reggio”  potrebbero  essere assegnati alloggi a circa 150 famiglie. Non è poco, se si considera che in cinque anni l’Amministrazione ha assegnato un alloggio ad appena 35 famiglie circa: alle prime otto famiglie nella  graduatoria del bando comunale  2005  e a circa ventisette famiglie  in emergenza abitativa ( art 31 Lr 32/1996). Per correggere il grave errore commesso con lo storno del finanziamento del  2016 non è sufficiente la delibera di Giunta.

È necessario attivare con tempi definiti e certi il percorso di rimodulazione del Decreto Reggio e  quello di acquisto e assegnazione degli alloggi popolari.

È pure  necessario che il percorso venga effettuato dal Comune, come richiesto dalla Petizione popolare, ossia  come  politica degli alloggi erp, destinata alle fasce economicamente e socialmente più deboli della popolazione. Non sarebbe  invece corretto  integrare  la misura dell’housing sociale, per due motivi in particolare.  Prima di tutto perché  l’housing sociale è  destinato a fasce di popolazione con reddito più alto  rispetto a quello di riferimento degli alloggi popolari, ma anche perché il Comune vi ha già destinato ingenti risorse progettuali e beni confiscati.

Partire dagli ultimi non deve essere solo uno slogan ma deve diventare un fatto concreto della politica.

Le associazioni ed i movimenti, riuniti nell’Osservatorio sul disagio abitativo, il 30 luglio scorso hanno richiesto via pec al presidente del Consiglio Comunale un’audizione in Conferenza dei capigruppo consiliari, per sollecitare l’inserimento, nel prossimo  incontro del  Consiglio Comunale, della ratifica della delibera di Giunta. Fino ad oggi l’Osservatorio sul disagio abitativo non ha ricevuto alcuna risposta. Mentre tutto è fermo, il problema della casa continua a premere come un macigno sulla vita delle famiglie a basso reddito  e si allarga a macchia di olio a tutte le persone che ogni giorno perdono la possibilità  di lavorare per vivere in modo dignitoso.

 

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi   – Giacomo Marino- Cristina Delfino

CSOA  Angelina   Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Sociale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Seguici su telegramSeguici su telegram