Reggio - Operazione 'Ti rimborso', Morra: 'Cuori aridi e miserabili'

La Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha sgominato un sistema fraudolento che coinvolgeva circa 200 calabresi

"A 157 contribuenti calabresi è stato notificato un decreto di sequestro preventivo delle somme, circa 700mila euro, che hanno indebitamente ricevuto grazie ai “servizi” dei tre principali indagati accusati di associazione a delinquere".

Sono queste le prime parole attraverso cui Nicola Morra esprime il suo commento sull'operazione 'Ti rimborso'.

"Stando all’inchiesta promossa dalla GdF di Reggio Calabria coordinata dalla locale Procura Spanò e Morello, due di questi tre ideatori della truffa, avevano messo in piedi un sistema fraudolento che consentiva ai contribuenti infedeli di ricevere fatture di spese sanitarie mai effettuate che poi venivano scaricate con la dichiarazione dei redditi in modo tale da ottenere un rimborso pari al 19%".

Il presidente della Commissione parlamentare Antimafia aggiunge:

"Che sia chiaro: i tre ideatori dell'artificio fraudolento sono stati raffinati e diabolici, ma i 200 e rotti cittadini che si sono serviti di questi servizi fanno capire che cosa sia il mondo della collusione e della complicità. Probabilmente colletti bianchi, ma cuori aridi e miserabili".