'Chist'annu nenti processioni': la poesia di un reggino per la Festa della Madonna

"Chi normi anti covid sta festa non si faci". Con la sua poesia, PIetro Cartella ha, probabilmente, espresso il pensiero di molti reggini

L'ipotesi di una cancellazione straordinaria era in aria già da un po'. I reggini, però, hanno preferito sperare fino alla fine che l'amata tradizione della 'Processione' non subisse gli effetti del Covid-19. Nella giornata di ieri, invece, è arrivato l'avviso da parte della Prefettura: Festa della Madonna 2020 non si potrà celebrare come al solito.

Anche se la Vara, restaurata, verrà esposta, come consuetudine presso la Cattadrale, non potrà compiere il consueto viaggio in spalla ai portatori dalla santuario dell'Eremo fino al centro di Reggio Calabria.

"Cu terremotu, cu guerra e cu paci, sta festa si fici, sta festa si faci". 

È questo il detto che di generazione in generazione ha alimentato buona parte della tradizione della Festa dedicata alla patrona di Reggio: la Madonna della Consolazione. La festa di settembre è famosa in tutta la Calabria e, come vuole la storia, non si è mai fermata, per nessun motivo, eccetto il Covid. Il temibile nemico invisibile è riuscito lì dove tutto e tutti fino ad ora avevano fallito.

A tal proposito, un reggino ha deciso di scrivere una poesia.

Chist’annu nenti Procissioni

"Cu terremoti cu guerri e cu paci
quando c'era vera fidi
sta festa si fici,
ora chi normi anti covid
sta festa non si faci
pirchí ca fidi e ca devozioni
po' nfettari a popolazioni,
ma i festi civili e li mangiati
sunnu esenti di sti infettati:
pi gridari viva Reggina
tutti o Duomu assembrati
e la sira in via marina
non c'è virus chi camina.
Nda stu mundu ormai malatu
sulu u giusto esti sbagghiatu
mentri l'omu è onnipotenti
e non si cura chiú di nenti.
Na vota a fedi fermava a malatia
oggi inveci a fedi si ndi ju via.
Ormai tutti ttaccati i sta catina
simu comu nu mortu chi camina,
non ci su vaccini né merici né prufissuri
chi ndi ponnu liberari di stu maluri
ch’ormai è prontu pi regnari.
Sulu Diu ndi poti sarbari
simu intempu pi tornari
si a Iddu nui pregamu
e cu cori sinceru e penitenti
a Tia nui t’invocamu
o Maria da Cunsulazioni
dandi Vera fedi e devozioni".

di Pietro Cartellá