Precari regionali Legge 12, le assenze costringono la Conferenza dei capigruppo al rinvio

Il presidente dell’Assemblea Arruzzolo ha riaggiornato la Conferenza al prossimo 2 marzo

La questione storica del precariato alla Regione Calabria potrebbe finalmente giungere alla parola fine. Il travagliato iter della proposta di legge sulla contrattualizzazione dei precari della legge regionale n. 12 è infatti approdata oggi in Conferenza dei capigruppo – presenti i consiglieri Pietropaolo, Crinò, De Caprio, Minasi, Anastasi, F. Pitaro e Billari - coordinata dal Presidente del Consiglio regionale Giovanni Arruzzolo.

Appuntamento al 2 marzo

Lo stesso primo inquilino di Palazzo Campanella, con rammarico, annuncia che i capigruppo hanno deciso di riaggiornarsi al prossimo 2 marzo, confidando che in quella occasione si possa chiudere il cerchio sulla questione e lasciare l’ultima parola all’Aula.

“Abbiamo proseguito la discussione con l’intento di portare a soluzione l’importante questione che concerne il futuro e quindi la tranquillità di una categoria di lavoratori - ha detto Arruzzolo -. Purtroppo per l’assenza di due capigruppo della maggioranza e soprattutto del capogruppo del partito più rappresentativo della minoranza, il Pd, non si è potuta raggiungere la condivisione unanime, come d’altra parte, era stato precedentemente concordato. Per questo motivo abbiamo deciso di riaggiornarci con una prossima riunione di Capigruppo a martedì prossimo 2 marzo”.