Presentazione del libro: 'Hopper si fermò ad Archi"

L’Università degli Studi e Campus presenta, all’interno della propria rassegna editoriale online, il libro di Nanni Barbaro

L’appuntamento è per venerdì 11 dicembre, ore 18.30, con il webinar on line sui canali Facebook e Youtube di eCampus, in compagnia dell’autore e del regista e sceneggiatore Mimmo Calopresti. Nanni Barbaro ci trasporta con leggerezza tra la sua gente semplice ed una natura incontaminata, dipingendo attraverso l’arte dell’umorismo e la prontezza dei termini dialettali ricordi di gioventù e di amicizia. Sole e mare, sapori e momenti che tornano intatti a distanza di tempo, racconti unici e scintillanti di un piccolo centro, sdraiato davanti allo Stretto come nel dipinto di Hopper, “Hills, South Truro”, della copertina. «Nanni Barbaro - scrive Calopresti - è un cristone, la prima volta che lo incontro zoppica, si appoggia su un bastone per camminare e avvicinandosi mi dice che gli è caduta una bara sul piede mentre preparava l'interramento. Lo dice con un sorriso ironico spiegandomi che quel tipo d'incidente fa parte degli inconvenienti del suo mestiere, perché lui fa il custode al cimitero di Archi. Mi fa ridere pensarlo mentre scrive i suoi racconti, tra un morto e l'altro.

Locandina Webinar

Mi mette di buon umore l'idea che, mentre scrive, il panorama davanti a sé sono le tombe di quel piccolo cimitero di paese». (Dalla Prefazione di Mimmo Calopresti) «E due. Chi si è lasciato tentare dal divertimento del primo “Sulle sponde dello Stretto mi sono seduto e ho riso” sa come stringere a due mani questo delizioso secondo libretto, seguire la propria bramosia di lettore dentro le sue pagine incalzanti e farsi trasportare dalla medesima libido narrativa. L’effetto, come in ogni impresa letteraria che si rispetti, piccola o grande che sia, è di farti entrare in un mondo... un mondo raccontato con la leggerezza, solo apparente intendiamoci, del linguaggio comico, oppure intessuto dai fili della rievocazione che seleziona secondo le sue misteriose attitudini e che, sovente, si accompagna alla tenerezza con cui si guarda alle cose che non ci sono più». (Dalla Postfazione di Giuseppe Mate).

Nanni Barbaro

E’ nato ad Archi di Reggio Calabria il 10 dicembre 1956. Ha conseguito il diploma di assistente di Comunità Infantili ed è dipendente del Comune di Reggio Calabria, dopo esserlo stato del Comune di Bologna. Scrittore autodidatta, è autore di decine di commedie brillanti in vernacolo. Ha pubblicato una silloge poetica di intonazione civile, “Oltre il muro”, nel 1990, con la prefazione di Mons. Italo Calabrò; per i tipi della Città del Sole Edizioni, nel 2016, “Sulle sponde dello Stretto mi sono seduto e ho riso” e nel 2018, “Si cunta, si cuntau”. È stato allievo del maestro Rodolfo Chirico e ha frequentato numerosi seminari teatrali, letterali e cinematografici. Appassionato di musica, è parte della tribute band Cantando De André in qualità di cantante. Ad Archi è nato, ad Archi conta di finire i suoi giorni. Senza fretta.

Mimmo Calopresti

E’ regista cinematografico, nato a Polistena (Reggio Calabria) il 4 gennaio 1955. Approdato al cinema dopo un lungo apprendistato da documentarista, nel corso del quale ha affrontato tematiche socio-politiche, fin dal suo primo lungometraggio si è imposto nel panorama del cinema italiano per la capacità di analizzare le dinamiche dei rapporti interpersonali, rendendo con sensibilità e stile essenziale storie dense di emotività.