Reggina: il nuovo ruolo di Matteo Patti

Esordio da dirigente indimenticabile: "Sono stato fortunato due volte"

Per poter lavorare alla Reggina, ha rescisso il contratto con la vecchia società di appartenenza. Matteo Patti, ex calciatore, dopo aver appeso le scarpe al chiodo, ha manifestato subito il desiderio di poter restare nel mondo del calcio da dirigente. Ed il suo percorso in amaranto è stato un crescendo. Partendo dal ruolo di Team Manager, si è guadagnato con il trascorrere del tempo la stima della società e la totale fiducia del Ds Taibi.

Ha vinto al suo primo anno ed ospite di "Passione Amaranto" ha dichiarato: "Sono stato fortunato due volte. La prima per aver avuto la possibilità di lavorare per un club così prestigioso come la Reggina e poi per aver vinto subito, al termine di una stagione che resterà indimenticabile.

Ho imparato tanto in questa stagione, sono stato sempre al fianco del Ds Taibi e con lui è nato un rapporto straordinario. La società ha deciso di staccarmi dal ruolo di Team Manager per affiancare Massimo. Avrò la possibilità di andare in giro per i campi, stare più vicino alla prima squadra. In questo periodo stiamo guardando tantissime partite anche di campionati esteri. L'impossibilità a poter essere fisicamente sui campi per la chiusura degli stadi, ci porta ad un lavoro più intenso, fermo restando che è certamente diverso poter osservare un calciatore dal vivo.

Intraprendo questa nuova avventura con grandissimo entusiasmo e, ripeto, poter lavorare al fianco di Massimo Taibi per me è un onore, oltre che una possibilità di ulteriore crescita".