Reggio, al teatro Cilea la commedia di De Filippo con 'Uomo e Galantuomo'

Ritroviamo i punti fermi della poetica eduardiana, le contraddizioni tra l’apparire e l’essere della borghesia contro il dramma proletario

Ristobottega

Di seguito il comunicato stampa di ‘Polis Cultura‘ su secondo appuntamento della Stagione 2024 previsto per mercoledì 17 al Cilea.

Dopo il grande successo con il primo spettacolo, “Romeo e Giulietta” della Compagnia Balletto di Milano con le musiche di Tchaikovsky che il 2 Gennaio ha visto un Teatro Cilea tutto esaurito, la Polis Cultura presenta il secondo appuntamento della Stagione 2024 mercoledì 17 gennaio, con una commedia tra le più divertenti della grande produzione drammaturgica di Eduardo De Filippo, grazie ad un ritmo elevato con picchi di pura comicità, “Uomo e Galantuomo“.

Ristobottega

Un testo classificato spesso e impropriamente come farsa ma che in realtà, seppure caratterizzata da una ricca serie di battute ed episodi irresistibilmente comici è una commedia tra le più rappresentative del suo teatro. Ed anche per questo spettacolo il pubblico reggino ha risposto positivamente riempiendo il Cilea, segno di grande attenzione verso i classici e il teatro di qualità, lo spettacolo infatti è in tournèe nazionale nei maggiori Teatri italiani.

Commedia De Filippo

Nella commedia ritroviamo i punti fermi della poetica eduardiana, emergono una gran quantità di contraddizioni tra l’apparire e l’essere della borghesia contro il dramma proletario di chi ogni giorno affronta la sopravvivenza. Falso perbenismo contro tragedia.

Onore da salvare contro fame. E in tutto questo dov’è l’uomo e dove il galantuomo? Ecco perché “Uomo e Galantuomo” è considerata una commedia di altissimo livello, forse la più divertente di tutte come dicevamo, imperniata tra l’altro proprio sul teatro. Narra la storia di una compagnia di guitti scritturati per una serie di recite in uno stabilimento balneare.

Ristobottega

Commedia De Filippo 2

Proverbiale la scena delle prove di “Malanova” di Libero Bovio, in cui un suggeritore maldestro, continuamente frainteso dagli attori, ne combina di tutti i colori. Poi gli intrecci amorosi si mescolano alla finta pazzia, unica via per evitare duelli e galera. Attraverso il classico meccanismo della commedia degli equivoci, si scatena così il teatro nel teatro, la follia tra farsa e dramma evocando sapori pirandelliani.

Padrone della scena e dei perfetti meccanismi comici che l’attraversano è Geppy Gleijeses attore e regista di lungo corso (che impersona il capocomico Gennaro), allievo di Eduardo, dal quale ricevette il permesso a rappresentare le sue opere. Accanto a lui il figlio Lorenzo Gleijeses (allievo di Julia Varley dell’Odin Teatret e Premio Ubu come miglior attor giovane), Ernesto Mahieux (David di Donatello per “L’imbalsamatore” di Matteo Garrone) e tra gli altri Antonella Cioli, Ciro Capano, Gino Curcione e Roberta Lucca. Una Produzione Teatro della Toscana e Gitiesse Artisti Riuniti, la regia è del maestro Armando Pugliese.

Ristobottega

Locandina Commedia De Filippo

Subito dopo Uomo e Galantuomo, la Stagione della Polis Cultura continua con il grande Musical proponendo l’attesissimo Rapunzel, unica tappa in Calabria, con Lorella Cuccarini e un fantastico cast tra attori, performers e ballerini, imponente per scenografie ed effetti speciali, con la regia di Maurizio Colombi e la produzione di Alessandro Longobardi. Grande attesa in città per uno spettacolo che si fermerà al Cilea per ben 4 repliche, dal 26 al 28 Gennaio, per la gioia di grandi e piccini.