Reggio, al Cedir 500 studenti delle scuole primarie per l'iniziativa Plastic Free

I piccoli studenti reggini hanno avuto la possibilità di confrontarsi con le referenti di Plastic Free sulle tematiche ambientali attraverso giochi, video, slide e testimonianze

Ristobottega

Di seguito il comunicato stampa di Plastic Free sull’iniziativa del 22 febbraio presso l’auditorium “G. Versace” del Cedir di Reggio Calabria.


Grande successo per l’iniziativa di sensibilizzazione targata Plastic Free, promossa dalla Città di Reggio Calabria. L’auditorium “G. Versace” del Cedir di Reggio Calabria, ieri mattina, si è riempito di speranza e fiducia verso un mondo migliore.

Cinquecento giovani studenti delle scuole primarie di Reggio Calabria si sono riuniti, accompagnati dai loro insegnanti, per discutere di inquinamento e futuro insieme all’Associazione Plastic Free, rappresentata dalla vice referente per la regione Calabria, Serena Pensabene, e dalla referente per il comune di Reggio Calabria, Ludovica Monteleone.

Plastic Free Cedir 3

L’evento, fortemente voluto dall’Amministrazione comunale e riuscito grazie al lavoro di squadra e all’unione delle forze di Plastic Free, della Dirigente del Settore Istruzione, Sport, Politiche giovanili e Partecipate, Dott.ssa Daniela Gerolama Roschetti, e dell’Assessore con Delega Istruzione, Università e Pari opportunità, Anna Maria Briante, è stata un’occasione per sancire ancora una volta una costruttiva e propositiva collaborazione tra associazioni e istituzioni per il raggiungimento di scopi comuni.


Durante la mattina, i piccoli studenti reggini hanno avuto la possibilità di confrontarsi con le referenti di Plastic Free sulle tematiche ambientali attraverso giochi, video, slide e testimonianze per imparare, divertendosi, che un mondo migliore è possibile e che possono essere proprio loro gli artefici di un futuro più sostenibile e plastic free.

La giornata è terminata con la donazione delle borracce acquistate con i fondi del PON Metro 2014-2020 alle scuole che hanno aderito al progetto mensa.