Elezioni metropolitane, Davi: 'Pd si assuma responsabilità. Appello alla Prefettura per rinvio'

Elezioni Città Metropolitana, Klaus Davi: 'Appello alla Prefettura perchè rinvii elezioni. Pd si assuma responsabilità'

Elezioni Citta Metropolitana, il massmediologo e giornalista Klaus Davi interviene sul voto previsto per domani a Palazzo Alvaro: 'Queste elezioni vengano quantomeno rinviate".

Pd si assuma le sue responsabilità

 

"Leggo che il Partito Democratico avrebbe dato l’ok alle elezioni metropolitane ‘negli interessi dei cittadini’. Quindi i veri king maker del Pd hanno deciso che i membri del Comitato Scientifico sono carta straccia. Lo ha deciso il partito di Antonio Castorina, Sebi Romeo, Nino de Gaetano, dall’alto della sua acclarata autorità scientifica. Ok, ci sta che si assumano le loro responsabilità visto che governano la città".

E' quanto dichiara il giornalista e massmediologo Klaus Davi. Però l’interesse dei cittadini e la loro salute lo Stato dovrebbe preservarli.

E quindi facciamo appello alla Prefettura affinchè queste elezioni vengano quanto meno rinviate. In primis, per ragioni palesemente sanitarie.

In secondo luogo perché con un’indagine in corso sul voto manipolato, lo Stato e i suoi presidi in Calabria non possono avvallare l’elezione potenziale di soggetti che nessuno può escludere possano essere coinvolti successivamente dalle indagini. Sempre alla Prefettura rinnoviamo l’invito di verificare se la denuncia del presidente di ‘Vox Italia’ Calabria è corretta. Ossia che l’esponente del Partito Democratico Antonio Castorina sarebbe il nipote di Gino Molinetti, già processato e nuovamente indagato per l’omicidio del giudice Antonino Scopelliti avvenuto il 9 agosto 1991. Questo chiarimento lo Stato lo deve ai familiari del giudice, alla città e al Paese tutto che per mano della ‘Ndrangheta ha perso un prezioso servitore dello Stato.

Visto che Falcomatà non dice se sapesse o meno della parentela denunciata da ‘Vox Italia’, sia lo Stato italiano a fare chiarezza ed è auspicabile che lo faccia con una certa celerità visto che su questa vicenda sono puntati i riflettori nazionali». Lo ha dichiarato il giornalista e massmediologo Klaus Davi.