Regionali, Oliverio contro Zingaretti: 'I candidati della Calabria li sceglie Roma"

"I commissari ed un manipolo di persone continuano fare e disfare sulla pelle della Calabria"

"Zingaretti è tornato in Calabria, si proprio lui, e tornato di nuovo. Lo ricordate? Oltre un anno fa venne per candidare Callipo, a suo dire l'Olivetti del sud. Poi, una sonora sconfitta. Dopo quattro mesi il "nuovo" Callipo scappa dimettendosi dal Consiglio Regionale.

Dopo tutto ciò, il silenzio assoluto. Ora è tornato, spalleggiato dal commissario liquidatore,  Stefano Graziano, per farci la lezioncina sul voto utile. Voto utile a chi e per che cosa? Lo sanno tutti che questa gestione scellerata del PD ha prodotto e continua a produrre sconfitte rovinose.

Dopo Callipo nessuna riflessione autocritica, nessun tentativo serio di avviare un confronto ampio, aperto, finalizzato a ricostruire su larghe basi l'autogoverno dei democratici calabresi. In conclusione un voto utile solo alla consorteria romana che con i commissari ed un manipolo di persone continua a fare e disfare sulla pelle della Calabria".

Mario Oliverio, candidato alla presidenza della Regione Calabria, attacca Nicola Zingaretti e in generale il Pd per la gestione a suo dire scellerata.

"Zingaretti? Si, quello che si è dimesso da segretario nazionale del Pd ritenendolo ormai ridotto ad una conventicola di correnti, l'una contro l'altra armate. Nulla sul perché i candidati della Calabria li scelga Roma, inibendo le primarie ed escludendo ogni forma di partecipazione democratica come è stato fatto nel resto d'Italia. Nulla sui commissariamenti, né su quello della sanità, né su quello del partito calabrese. Solo un pregiudizio senza fine sulla nostra terra e sui calabresi può spiegare questo odioso e inaccettabile comportamento.

A Zingaretti dico, con estrema chiarezza, che contro tutto questo ci siamo candidati con l'incoraggiamento di tanti, uomini, donne e giovani che non accettano questa condotta ottusa e coloniale. Il vero voto utile è quello per affermare la dignità e l'autonomia della Calabria. Una regione che merita rispetto e che ha energie e competenze per autogovernarsi come avviene in altre regioni a partire da quella di cui Zingaretti è Presidente", conclude Oliverio.