Reggio - Emergenza rifiuti, qualcosa si muove. Via al piano di raccolta straordinaria

Nel quartiere di Modena è stata rimossa e successivamente ripulita un'area interessata da una discarica abusiva

Nei giorni scorsi il sindaco Giuseppe Falcomatà e l'assessore Paolo Brunetti avevano annunciato alla città di Reggio Calabria una svolta in quello che è l'atavico dramma dell'emergenza rifiuti.

Circa un mese per riportare la città ad una "quasi normalità" è stata questa la promessa dell'amministrazione comunale consapevole dei grandi disagi vissuti dai cittadini, in particolar modo, in questi ultimi mesi.

Emergenza rifiuti a Reggio Calabria: cosa cambia

Rifiuti Modena Palazzine Coni

La proroga del contratto con la Regione Puglia e l'aumento delle quote di conferimento in discarica permetterà all'amministrazione di "liberare" la città da enormi quantitativi di rifiuti rimasti a terra per lungo tempo. Questo sarà possibile grazie anche al ripristino del funzionamento dell'impianto di Sambatello dove ogni giorno verranno conferite all'incirca 250 tonnellate.

Tenendo conto che i rifiuti per strada sono stati stimati in circa 5 mila tonnellate, per "toccare con mano" il miglioramento dell'attuale emergenza, servirà circa un mese dall'inizio del piano di raccolta straordinaria.

Piano di raccolta straordinario

Rifiuti Modena Palazzine Coni 3

"Stiamo predisponendo un piano in città per garantire la pulizia del territorio e di tutti i quartieri partendo dalle macrodiscariche presenti lungo le strade come Archi, Arghillà, Pietrastorta, Ciccarello etc. Eliminate le discariche dobbiamo poi garantire la raccolta quotidiana" aveva annunciato l'assessore Brunetti, delegato all'ambiente, nel corso di una diretta rivolta ai cittadini.

Il piano d'azione è già partito e, proprio nella giornata di oggi, sono arrivate le prime segnalazioni da parte dei cittadini felici di vedere che, finalmente, qualcosa si muove.

È il caso di Modena, uno dei quartieri della zona sud di Reggio Calabria da sempre fra i più colpiti dall'emergenza rifiuti. Lo smaltimento della discarica e la successiva pulizia della zona interessata è avvenuta fra le palazzine del CONI dove, così come in tantissimi altri punti della città, la spazzatura aveva ormai raggiunto un livello preoccupante.

Ad aiutare Avr nella pulizia della città, sarà ancora una volta EcoPiana che dovrà occuparsi delle discariche abusive, mentre la prima continuerà con la raccolta porta a porta.

Tolleranza zero sulle discariche abusive

Rifiuti Modena Palazzine Coni 2

L'assessore Brunetti, inoltre, ha annunciato un'altra importante novità nel contrasto alle discariche abusive:

"In passato è capitato che, subito dopo aver ripulito un'area, quest'ultima il giorno dopo fosse di nuovo una discarica. Questo non potrà più verificarsi. Chiediamo la vostra collaborazione, ma la tolleranza sarà pari a zero. La polizia municipale sarà infatti impegnata in un controllo capillare di tutto il territorio affinché la città resti davvero pulita. I rifiuti per strada non saranno più ammessi".