Una reggina ai 'Soliti Ignoti': Amadeus riceve in dono un ritratto - FOTO

"In quel che faccio c'è bisogno di osservare" ha suggerito ai concorrenti, che però non hanno indovinato la sua identità

Ristobottega

Dal Teatro delle Vittorie, 8 ”Ignoti”, con le relative ”identità nascoste” dovranno essere svelato al pubblico presente in studio ed a quello a casa, seduto di fronte al piccolo schermo. La coppia di concorrenti dovrà abbinarli correttamente e potrà aggiudicarsi il montepremi con il gioco finale del ”parente misterioso”.

Il programma di Rai1, “I soliti Ignoti” condotto da Amadeus, continua a vedere fra i protagonisti i reggini! Nella puntata andata in onda martedì 11 aprile, è toccato ad Alessia Genua.


Una reggina ai “Soliti Ignoti”

Alessia Genua Soliti Ignoti 1

Arrivati a svelare la sua identità i concorrenti di Bari, padre e figlia hanno chiesto l’indizio, nascosto fra tre affermazioni della 35enne originaria di Reggio Calabria:

“Prima di addormentarmi guardo video stupidi e rido talmente forte che devo nascondermi sotto le lenzuola per non farmi sentire e svegliare gli altri.

A casa dicono tutti che sono “putrusinu in ogni minestra” cioè che sono come il prezzemolo nella minestra, quindi ovunque.

In quel che faccio c’è bisogno di osservare”.

L’identità di Alessia, che porta con sè l’imprevisto, ha un valore di 24 mila euro. Purtroppo però i concorrenti in gara non sono riusciti ad azzeccare il giusto mestiere.

Il mondo della pirografia

Alessia Genua Soliti Ignoti

La giovane reggina crea ritratti con il pirografo ed è presidente dell’associazione Pirografia del cuore. E, per l’occasione ha anche realizzato un ritratto per il conduttore televisivo.

In un post pubblicato su Facebook, dopo la puntata, Alessia ha scritto:


“Sono davvero felice di aver fatto questa esperienza a “I soliti ignoti”! I concorrenti, la produzione, e gli addetti ai lavori sono rimasti piacevolmente colpiti dal mondo della “Pirografia”! È stato bello rispondere a tutte le loro domande, spiegare la tecnica e mostrarne il risultato. Sono passati due anni da quando è nata Pirografia del cuore e dopo tanti sacrifici e tanto studio, ho raccolto piccole e grandissime soddisfazioni”.