Sbarco di Roccella, predisposto il trasferimento dei migranti positivi al Covid

Il sindaco Zito ha illustrato la situazione riguardante l'ultimo sbarco ai cittadini di Roccella. Già predisposto il trasferimento dei migranti

In relazione allo sbarco di 177 migranti avvenuto ieri pomeriggio nel porto di Roccella Jonica, sono stati già organizzati i trasferimenti dei soggetti risultati positivi al covid-19 e dei loro familiari presso le apposite navi per il prescritto periodo di isolamento.

Il trasferimento dei migranti sbarcati a Roccella

Le attività verranno concluse entro domani.

Per tutti gli altri si concluderanno in giornata le operazioni di accompagnamento nelle strutture di destinazione. Assicurati al meglio, come di consueto, dalla Croce Rossa Italiana i servizi di gestione dell'accoglienza.

Presidiata dalle Forze di Polizia la struttura di primissima accoglienza sino al completamento delle operazioni di trasferimento. Si ringraziano, anche in questa occasione, il Comune di   e le componenti tutte del sistema di accoglienza per l'impegno profuso con dedizione e professionalità.

Le rassicurazioni del sindaco Zito ai cittadini

"Carissimi Cittadini,

come avrete appreso dalla cronaca, nella tarda serata di ieri la Guardia di Finanza ha intercettato a largo di Capo Spartivento un peschereccio con a bordo 177 migranti che, su disposizione delle competenti autorità, sono stati scortati al Porto delle Grazie per le operazioni di sbarco e identificazione.

I risultati delle analisi per la ricerca di possibili positivi al COVID 19 hanno dato come esito la presenza di 93 casi di positività tra i migranti, nel frattempo ospitati presso il Centro di Primo Soccorso di via Cavone.

In serata si avvieranno le procedure di ricovero dei migranti in altre strutture e di trasferimento dei positivi sulle navi quarantena ormeggiate in Sicilia.

L’attenzione da parte di tutte le autorità per garantire la massima sicurezza delle operazioni di assistenza e di trasferimento è altissima e la struttura di primo soccorso è sorvegliata h24 dalle competenti autorità di pubblica sicurezza.

Appena ultimate le operazioni di trasferimento interverremo, come sempre, per l’immediata sanificazione di tutti i locali e dell’esterno della struttura.

Come abbiamo sempre affermato, la gestione del fenomeno immigratorio è complessa e chiama a responsabilità vari livelli istituzionali. A noi, indipendentemente dagli orientamenti etico morali che ci chiamano alla assistenza di chi è soccorso, compete la prima fase di accoglienza che, in piena emergenza sanitaria,  deve essere gestita con la massima attenzione, come sta avvenendo.

Sulla sicurezza delle operazioni ci sentiamo, quindi, di tranquillizzare tutti i cittadini: in considerazione delle precauzioni messe in atto non c’è alcun motivo per temere una qualsiasi diffusione del virus tra la popolazione.

Oltre ai casi sopra detti, nella giornata odierna non si registrano nuovi casi accertati o probabili di COVID 19 sul territorio comunale".