Dalla Costa d'Avorio alla Calabria per riabbracciare la mamma: la storia di Juniò - VIDEO

Il video del bambino che riabbraccia la mamma e la sua gemellina ha fatto commuovere il web

Immigrati. La sola parola mette i brividi ai più. In chi, invece, non accetta l'accezione dispregiativa del termine, fa scattare un moto di indignazione impossibile da reprimere. Quante vite si sono perse nei nostri mari? Quante ancora andranno perdute?

Ogni tanto, però, è possibile raccontare non solo le tragedie, ma anche storie che fanno traboccare il cuore di gioia, come quella di un figlio che ha ritrovato la sua mamma. È il caso di Juniò, un bambino di 6 anni che viene dalla Costa d'Avorio.

In barba al coraggio, che tanti dicono di avere, lui ha attraversato il Mar Mediterraneo da solo, senza i genitori e senza un parente. Per due settimane gli operatori della Croce Rossa Italia si sono occupati di lui, durante la quarantena sulla nave Moby Zaza. Ma perchè affrontare questo viaggio estremo, il 'viaggio della speranza'?

Juniò voleva riabbracciare la mamma e, qualche giorno fa, il suo sogno è divenuto realtà, in quanto la donna è stata rintracciata al Cara di Isola Capo Rizzuto. Il video pubblicato dalla Croce Rossa Italiana ha fatto il giro del web, facendo commuovere gli utenti di tutto il mondo.

Il mondo non può essere in bianco e nero. Ci sono miliardi di sfumature che lo rendono non solo colorato, ma anche meraviglioso. Juniò si è dimostrato un piccolo grande eroe, disposto a tutto pur di riabbracciare la sua famiglia.

Guarda il video

Restoring Family Links: Il piccolo Juniò riabbraccia la sua mamma

Juniò a 6 anni ha attraversato il Mediterraneo da solo, senza i genitori, senza un parente, per ritrovare sua madre. Gli operatori della #CroceRossa a bordo della nave #MobyZaza lo hanno accudito amorevolmente per due settimane e oggi, grazie a loro e all'aiuto della Croce Rossa Italiana - Comitato di Crotone e della Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale della Sicilia, questo piccolo grande eroe è riuscito finalmente a riabbracciare la sua mamma, rintracciata al CARA della città calabrese. ❤️#RestoringFamilyLinks

Gepostet von Croce Rossa Italiana - Italian Red Cross am Dienstag, 7. Juli 2020