Ecco come preparare "Millecoseddi", la zuppa invernale dei calabresi

Con il freddo che ha investito la nostra regione negli ultimi giorni nessuna ricetta è più indicata di questa minestra calabrese

L’inverno è arrivato e non sapete proprio cosa cucinare? Tranquilli, trovare una soluzione è molto semplice. Basta affidarvi a CityNow. Oggi vi parliamo della “millecosedde“.

Un minestrone di verdure e di pasta, tipico della cucina calabrese, che viene preparato specialmente nelle serate invernali e che è un mix di ortaggi e legumi. La pietanza prende il nome “mille cose” proprio dal vasto assortimento di prodotti che servono per portarla a compimento e dalle loro piccole dosi. Una ricetta perfetta quando in casa si hanno tanti ingredienti ma in piccole porzioni.

Con il freddo che ha investito la nostra regione negli ultimi giorni nessuna ricetta è più indicata di questa minestra calabrese.

LA RICETTA

Ingredienti:

– 200gr di pasta;
– 500gr di legumi secchi (ceci, lenticchie, fave, fagioli);
– 200gr di funghi freschi o 20gr secchi;
– cipolla;
– sedano;
– carota;
– pecorino grattuggiato;
– olio d’oliva;
– sale;
– pepe.

Preparazione:

Mettete a mollo in abbondante acqua fredda, la sera prima di cuocerli, i legumi secchi. Lavate il cavolo verza e tagliatelo a fettine. Se usate i funghi secchi metteteli a rinvenire in una tazzina di acqua tiepida un’ora prima di usarli e in seguito tagliateli a fettine.

Tritate una cipolla di media grandezza insieme ad un gambo di sedano e ad una carota. Fate rosolare il trito di sapori in un tegame preferibilmente di terracotta con tre cucchiaiate di olio. Quando il trito prenderà un bel coloro oro aggiungete la verza ed i funghi e mescolate. Dopo qualche minuto aggiungere anche i legumi scolati.

Coprite con un litro e mezzo di acqua bollente, aggiungete un pizzico di sale, mettete su il coperchio e lasciate cuocere il tutto per circa due ore.

A questo punto aggiungete la pasta e quando sarà pronta versate la minestra nelle fobie e servite con un po’ di peperoncino e una spruzzata di pepe nero.