Covid a Reggio, pronto un terzo centro di vaccinazione: sarà attivo dopo Pasqua

Scaffidi al lavoro per gestire l'emergenza Covid. In allestimento, oltre al secondo centro al GOM, c'è un terzo centro vaccinale

Palazzo Campanella e Grande Ospedale Metropolitano sono al momento i due centri vaccinali più grandi in città in cui i reggini si stanno sottoponendo alla somministrazione del vaccino anti covid. L'ASP di Reggio Calabria, guidata dal nuovo Commissario straordinario dott. Gianluigi Scaffidi, sta provando in tutti i modi a contrastare il Covid anche attraverso interlocuzioni continue e confronti istituzionali tra le diverse realtà del territorio.

PRONTO A GIORNI UN TERZO PUNTO VACCINALE IN CITTA'

Avviato già l'importante progetto del secondo centro vaccini al GOM di Reggio Calabria, l'ASP di Reggio, che in queste ore sta dialogando con l'Esercito Italiano, la Protezione Civile e la Croce Rossa per il potenziamento dei punti vaccinali in città, ha già concordato con la Polizia di Stato l'apertura di un terzo centro dedicato non solo agli stessi agenti del Corpo della Polizia ma anche a tutti i reggini.

In attesa del preannunciato centro vaccinale al Cedir, (sembrano esserci dubbi sulla fattibilità) che secondo l'amministrazione comunale sarebbe dovuto nascere entro marzo, quello di Contrada Armacà, in allestimento all'interno dei locali del XII Reparto Mobile della Polizia di Stato, aprirà invece subito dopo Pasqua.

E dieci sarebbero le postazioni disponibili a supporto del piano vaccinale a Reggio Calabria.

Seppur con notevoli difficoltà organizzative, economiche e di personale dunque l'ASP reggina ha decisamente adottato una strategia diversa rispetto alla passata gestione, fatta di dialogo, confronto e sinergia con i vari enti del territorio.