Reggio, il consigliere Caridi (Fi): "Spartizione di poltrone mentre la città è agonizzante"

"Al netto dei comunicati stampa di circostanza, che l’Assessore Albanese si dia una mossa e attivi"

"L’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria è impegnata in queste ore in febbrili trattative tra tutte le sue componenti.
L’obiettivo? Spartirsi le poltrone, il potere. Nel frattempo, però, fuori c’è una Città oramai agonizzante, una Città ferita, deturpata, violata, che vorrebbe tornare al suo consueto splendore, ma che, invece, assiste sbigottita al declino che pare inarrestabile".

Il consigliere comunale di Forza Italia, Antonio Caridi, sottolinea come a Reggio Calabria si continuano a soffrire le solite problematiche.

"I reggini sono oramai stremati di fronte alla miriade di problematiche che da anni richiedono soluzioni definitive e che l’attuale maggioranza non è riuscita nemmeno ad affrontare per totale inadeguatezza e incompetenza amministrativa.

Addirittura a causa della assenza di programmazione e di capacità di intervento sono privati finanche dei servizi essenziali.
Come non citare la annosa questione dei disservizi alla rete idrica che periodicamente sono costretti a subire gli abitanti dei Rioni Condera, Reggio Campi, Trabocchetto e Spirito Santo che puntualmente si ripresenta durante le giornate di maltempo.

L’ultima emergenza ha avuto inizio Venerdì scorso e, purtroppo, ancora non è terminata. Il maltempo ha danneggiato la rete di approvvigionamento dell’acqua e, per tale ragione, i nostri concittadini di quei Quartieri sono privi di acqua corrente all’interno delle rispettive abitazioni.

Per il ritorno alla normalità si parla addirittura di martedì o mercoledì prossimo. Al di là delle cause legate al maltempo, trattandosi di una problematica che oramai si presenta da anni, tutto questo è inconcepibile proprio perché circostanza ampiamente prevedibile e scongiurabile attraverso la programmazione e l’esecuzione per tempo di interventi definitivi e risolutivi.

Ma non solo. Per alleviare le sofferenze degli abitanti del quartiere l’Assessore alle Manutenzioni Albanese, di fronte alla grave emergenza, avrebbe potuto sin da subito mettere a disposizione l’autobotte di proprietà comunale oltre che far intervenire il Gruppo Comunale di Protezione Civile. Nulla di tutto questo è stato fatto.

Quindi, al netto dei comunicati stampa di circostanza, che l’Assessore Albanese si dia una mossa e attivi senza indugio nell’immediatezza ogni iniziativa utile a sostegno della popolazione interessata. Io continuerò ad essere al fianco dei cittadini, facendomi portavoce delle loro legittime istanze", conclude Caridi.