Cutro: lei lo lascia, i parenti di lui pestano il padre e il fratello

Calci, pugni, mazze da baseball e bastoni da ombrelloni. Una storia d'amore senza lieto fine

Ci sarebbe un amore “preteso” alla base dell’aggressione che una ventina di giorni fa, a Cutro in provincia di Crotone, ha visto protagonisti due uomini del posto, malmenati a colpi di ombrellone a causa, sostengono gli inquirenti, della rottura di una relazione tra due giovani fidanzati.

Una storia d'amore senza lieto fine

Una storia che sembra venire fuori da un copione vecchio e stereotipato, di quelli su cui si scherza al bar, e che invece sarebbe stato scritto in pieno ventunesimo secolo. Una storia che ha portato il Gip della città pitagorica ad emettere un’ordinanza di custodia cautelare per undici persone (due in carcere, nove ai domiciliari) che avrebbero aggredito il padre e il fratello di una ragazza “colpevole” di avere troncato la propria relazione affettiva con uno degli aggressori.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, i due aggressori avevano già più volte minacciato il fratello della giovane, rimproverandogli la fine della relazione. Una storia dai contorni assurdi che andata via via incistandosi fino a esplodere lo scorso 19 maggio, quando il gruppo di aggressori ha sorpreso le proprie vittime designate in strada, avventandosi su di loro con calci, pugni, mazze da baseball e con i bastoni di alcuni ombrelloni trovati in spiaggia. Poi le indagini degli uomini dell’arma che sono risaliti all’ex fidanzato, smascherando uno spesso intrigo di silenzi e reticenze.