Furto di energia elettrica e acqua: due arresti a Reggio Calabria

L'uomo e la donna sono stati sorpresi in flagranza di reato per la seconda volta nel giro di pochi mesi

A seguito di un mirato servizio svolto nell'ambito del programma focus ndrangheta nella zona Nord della città, in località Arghillà, nella giornata di ieri la polizia locale di Reggio Calabria ha tratto in arresto due cittadini ivi dimoranti.

Due arresti per furto di energia elettrica e acqua a Reggio Calabria

Segnatamente un uomo ed una donna, rispettivamente di 26 e 45 anni, entrambi pluripregiudicati. Furto aggravato di energia elettrica, acqua e violazione di sigilli sono i reati contestati. I due sono stati sorpresi in flagranza per la seconda volta nel giro di pochi mesi a perpetrare le medesime condotte delittuose.

Gli accertamenti sono stati effettuati con l'ausilio di tecnici dell'Enel e di personale dipendente del servizio idrico comunale. Dopo le formalità di rito e previo avviso al sostituto procuratore di turno, gli arrestati sono stati ristretti in regime di detenzione domiciliare presso le rispettive abitazioni a disposizione dell'autorità giudiziaria. Durante il servizio gli operatori, agli ordini della dott.ssa Malara ed del dott. Cogliandro hanno deferito altre tre persone per i medesimi reati di adduzione abusiva di acqua ed energia elettrica, oltre che per occupazione abusiva di immobile e inottemperanza a decreto di espulsione.