Gioia Tauro, installati cassonetti ad accesso controllato: è il primo impianto calabrese

L'obiettivo è quello di ridurre la tassa sulla spazzatura

Un nuovo impianto di rifiuti, il primo della Regione Calabria, arriva a Gioia Tauro. Grazie ad un finanziamento regionale richiesto qualche anno fa, è stato portato a termine l'acquisto di questi nuovi cassonetti ad accesso controllato con scheda magnetica.

Il servizio sarà di supporto al porta a porta, e saranno riservati esclusivamente alla parte secca dei rifiuti. Non saranno adibiti ad umido e indifferenziato. Grazie al medesimo finanziamento sono stati acquistati anche mezzi meccanici, mastelli e cassonetti.

"I vantaggi -afferma il Vice Sindaco di Gioia Tauro, Valerio Romano, ai microfoni di CityNow- sono diversi: in pole c'è quello per i cittadini che non hanno spazio in casa per i rifiuti. Si potranno gettare giornalmente in un altro posto all'esterno. E poi chiaramente la differenziata serve ad uscire fuori da questi cumuli di spazzatura che continuamente ci ritroviamo. Se tutti ci impegiamo, e la riusciamo a fare, riusciremo anche ad abbassare la tassa sui rifiuti. Stiamo valutando -conclude- di poter inserire dei premi per chi differenzia di più."