MammaMenia la startup reggina delle coccole online: “ho deciso di restare perché voglio una Calabria migliore”

di Federica Geria - Scommettere sulle coccole e cr

di Federica Geria – Scommettere sulle coccole e creare valore restando nella propria terra.

Sono queste le basi su cui si fonda la startup reggina MammaMenia, creata da Menia Cutrupi, Ingegnere e madre a tempo piano e da Salvatore Salvaguardia, Business Consultant.

Una piattaforma la cui colonna portante sono senza dubbio le coccole, momenti unici e speciali da donare alle persone care, coccolandole attraverso una vasta gamma di servizi, integrabili e totalmente personalizzabili, che spaziano dal food al benessere.

Basandosi sulla ferma convinzione che “una coccola valga più di mille paroleMenia e Salvatore hanno portato avanti il loro innovativo progetto, tra alti bassi, con tenacia, sacrificio e determinazione, scegliendo di collaborare solo con aziende eccellenti e 100% made in Italy, allo scopo di garantire al pubblico un’altissima qualità.

La particolarità è che i cofanetti di coccole di MammaMenia non consistono in prodotti materiali e immediatamente maneggiabili da acquistare in maniera spesso meccanica, ma in momenti preziosi da poter donare e vivere insieme alle persone che amiamo, perché le coccole, secondo Menia,mettono al centro le esperienze, le persone ed i loro legami”.

Oggi CityNow incontra Menia Cutrupi, fondatrice della startup e reggina doc, che racconta ai nostri microfoni di come tutto è nato e si è sviluppato. Di come è riuscita a dar vita ad un sogno, tra ostacoli e difficoltà, tra gioie e soddisfazioni, in una terra ricca ma a volte ostile, come la Calabria.

Come e quando hai dato vita a MammaMenia?

Mammamenia è un sogno che nasce da un bisogno, circa due anni e mezzo fa, il bisogno di Menia, mamma trentenne di due splendidi bimbi Giuseppe ed Andrea Luna, Ingegnere ed esperta in sistemi di Gestione integrata. Lavoro in ufficio per 8 ore al giorno, poi rientro a casa e devo occuparmi di tutto, praticamente non riposo mai ed ogni tanto ho pensato, ma se qualcuno provasse a coccolare le mamme? Ho fatto una ricerca sul web senza trovare una soluzione ed allora mi si è accesa la lampadina…se ci fosse una piattaforma capace di coccolare le mamme con un clic, eliminando lo stress anche solo per un momento. Da qui è iniziata la mia contaminazione che ho condiviso prima con le amiche mamme e, successivamente con esperti ed investitori in tutta Italia”.

Da cosa deriva la scelta del nome?

“La scelta di questo nome deriva dal sogno, anzi, dai sogni più importanti che sono riuscita a realizzare nonostante tutto…Giuseppe ed Andrea Luna. Infatti il mio sogno più grande era quello di diventare madre ed è per questo che ho voluto attribuire questo nome alla piattaforma: mammamenia.it la mamma che coccola le mamme”.

Hai da poco lanciato “Cofanetti di coccole”, cosa possiamo trovare sul sito?

“Man mano che la mia idea si concretizzava diventando una vera e proprio realtà aziendale insieme alla forza ed alla tenacia del mio inseparabile socio Salvatore Salvaguardia, ci siamo resi conto che tutti amano essere coccolati, proprio per questo abbiamo dato vita a www.cofanettidicoccole.it la prima piattaforma in Italia capace di fornire servizi eccellenti in diversi settori: Food, benessere, experience e servizi floreali. I servizi sono molteplici ma con un unico comune denominatore eccellenza. Infatti tra i nostri partner sono stati selezionati i migliori fornitori che hanno l’esclusiva per i relativi settori. Tra i nostri sevizi più richiesti le cene di coccole (sushi, pizza, Hamburger, carne o pesce, qualsiasi palato può essere coccolato con le nostre eccellenti coccole di gusto), le colazioni ed i the ed inoltre le coccole di benessere, i resort, le escursioni, insomma tutto ciò che può rappresentare una coccola”.

Quale è l’obiettivo che sta alla base di Cofanetti di Coccole?

“L’obiettivo è quello di dedicare un’attenzione unica alla persona cara, dedicandole un momento emozionale da condividere assieme a qualcuno o da vivere con se stessi. Personalizzando il cofanetto con il nome ed il messaggio della persona coccolata. Le coccole sono attenzioni uniche, infatti il nostro motto è: dona, emozione, sorprendi. dillo con una coccola”.

Come sta rispondendo il pubblico alla tua offerta?

“Benissimo, ad oggi abbiamo venduto più di 600 cofanetti, siamo un’azienda in espansione e siamo presenti in tutta la Calabria ed anche in Lazio e Sicilia. Stiamo scalando una montagna altissima a piccoli passi e soprattutto senza arrenderci ed il pubblico è consapevole di tutto questo, proprio per questo motivo ci sostiene scegliendoci”.

Nonostante alcuni ostacoli hai portando avanti la tua startup con grinta e determinazione. Quale è stato l’ostacolo più grande che finora sei riuscita a superare?

L’ostacolo più grande è stato superare i pregiudizi che al Sud è impossibile fare impresa, superare la pigrizia e la mediocrità che troppo spesso sono il primo cancro dell’imprenditoria.  Abbiamo fondato la Dreamlab srls, società che sviluppa la piattaforma mammamenia.it e cofanettidicoccole.it, convinti di ricevere un’investimento di 120.000€ che ci era stato promesso durante una trasmissione televisiva davanti a milioni di telespettatori, dopo otto mesi di attese abbiamo scoperto che non ci avrebbero dato nulla ed allora abbiamo capito che dovevamo crederci di più, così è stato ed oggi sono qui a raccontarvelo, abbiamo un’azienda che partita da zero ha raccolto e selezionato i migliori fornitori in Italia, un’ azienda che produce e fattura in Calabria, questo per noi è il successo più grande”.

Nella nostra terra imprendere non è un gioco da ragazzi. Dunque perché hai scelto di restare qui?

“No, non lo è affatto. Ci sono tantissime piaghe ed io e la mia famiglia ne siamo state vittime. Avrei avuto tutti i buoni motivi per andare via ma ho deciso di rimanere. Amo la mia terra e credo che possa essere un posto migliore se ognuno di noi si impegna per cambiare le cose. Ho avuto un grande maestro, mio padre. Lui mi ha insegnato a non arrendermi ed a credere profondamente nei valori che con impegno e sacrificio mi ha trasmesso, lui mi ha insegnato che creare valore è l’unico modo che abbiamo per creare alternative alle piaghe che distruggono il nostro territorio. Ed io, come lui, cerco di creare valore attraverso la mia impresa, attraverso i miei sogni di coccole ed attraverso la valorizzazione di tutte le eccellenze che la Calabria possiede. Ho deciso di restare perché voglio una Calabria migliore, una Calabria in cui i miei figli possano essere liberi di restare, una Calabria da sogno in cui sia possibile costruire futuro”.

Cosa consiglieresti a un giovane che cerca di fare impresa in Calabria?

Il nostro sogno di fare impresa ci ha aperto nuove porte, veniamo spesso selezionati dalle diverse università per raccontare la nostra esperienza e da qualche mese a questa parte abbiamo fatto delle docenze motivazionali a giovani imprenditori, insegnando loro l’importanza del coraggio di fare impresa ed è lo stesso consiglio che mi sento di dare a tutti i giovani e non, perché nella vita non si può mai dire quando sia il momento giusto per cambiare. La crisi ci spaventa ma dovrebbe essere per noi lo stimolo più importante per il cambiamento. La crisi è opportunità di uscire dalla zona di confort ed inventarci nuove strade, vedere nuove prospettive, trasformare un’idea in un business. Quindi a tutti i giovani consiglio di vivere coraggiosamente i propri sogni perché come dice mio figlio Giuseppe: un mondo senza sogni è un mondo secco!”.

VISITA IL SITO: clicca qui.

13133397_867833963339207_524730086674705015_n 12931223_846478612141409_879522164101553403_n mamma

Seguici su telegramSeguici su telegram