Museo di Reggio, ultimi giorni per visitare 'Gli itinerari culturali del Consiglio d'Europa'

"Ci auguriamo che la tappa reggina della mostra possa essere di buon auspicio per il territorio calabrese" le parole del direttore Malacrino

Ultimi giorni per visitare la mostra “Gli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa in Italia: un patrimonio europeo”, allestita al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria nell’ambito del programma di eventi che accompagnano il Cinquantesimo anniversario della scoperta dei Bronzi di Riace.

La mostra, realizzata nell’ambito della Presidenza dell’Italia al Consiglio dei Ministri d’Europa, è stata inaugurata lo scorso novembre a Strasburgo e ha fatto tappa anche in altre città, tra cui Venezia, Collodi e Torino.

Il percorso espositivo, curato dalla dottoressa Roberta Alberotanza, collaboratrice del Ministero degli Affari Esteri, task Force per la Presidenza italiana del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, è ospitato nella Sala conferenze del MArRC e affronta, in 29 pannelli, temi che vanno dall’arte all’architettura, dai pellegrinaggi ai percorsi di artisti, scrittori, condottieri e imperatori attraverso i quali sono illustrati alcuni dei principi fondamentali dell’Europa: i diritti umani, la democrazia, il dialogo, lo scambio reciproco e il superamento dei confini.

«Si tratta di un vero e proprio “viaggio” virtuale, ricco di suggestioni per il pubblico - dichiara il direttore del Museo, Carmelo Malacrino. L’esposizione punta a far prendere coscienza non solo dello straordinario patrimonio che ci circonda, ma anche della necessità di promuoverlo, tutelarlo e valorizzarlo. Il richiamo, poi, ai valori inclusivi europei ci ha spinti a ospitarla nei nostri spazi, per offrire un ulteriore momento di riflessione culturale tra passato, presente e futuro per tutti i nostri visitatori. Ci auguriamo - conclude Malacrino - che la tappa reggina della mostra possa essere di buon auspicio per il territorio calabrese, affinché le sinergie tra persone, istituzioni e territorio possano essere motivo di aggregazione, nello spirito di valorizzazione del meraviglioso paesaggio culturale nel quale abbiamo la fortuna di vivere».

Sarà possibile visitare la mostra fino a domenica prossima, 12 giugno, dalle ore 9:00 alle ore 20:00, con ultimo ingresso alle ore 19:30.