Motta San Giovanni - Fondi Pnrr, 1 milione per il cardiopolmonare e il parco minatori - FOTO

Il finanziamento servirà al recupero di due luoghi simbolo. La speranza è che si possano rendere funzionali e accoglienti

“Saranno utilizzati per rigenerare il Parco delle Rimembranze e rendere funzionale ed ecosostenibile il Cardiopolmonare le somme ministeriali stanziate per finanziare i Piani Urbani Integrati e assegnati anche al Comune di Motta San Giovanni”.

A darne notizia è il sindaco Giovanni Verduci che, insieme al sindaco di Montebello Jonico (Comune attuatore) Maria Foti, ha seguito la predisposizione della scheda progettuale inserita in “Aspromonte in Città”, l’ampio progetto presentato dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria e finanziato con un contributo complessivo di 118 milioni di euro.

“Al nostro territorio – aggiunge il primo cittadino mottese – sono stati destinati quasi un milione di euro che interesseranno due luoghi simbolo, rendendoli funzionali e accoglienti. Il recupero del cardiopolmonare con la rigenerazione del Parco delle rimembranze assume un ruolo strategico nello sviluppo territoriale del nostro comune. L’idea progettuale, scelta insieme all’assessore alla Politiche sociali Enza Mallamaci, prevede di sperimentare il modello innovativo del social housing, per soddisfare i bisogni di una pluralità di soggetti presenti nel contesto territoriale. In particolar modo la struttura fornirà assistenza e cura a soggetti adulti in difficoltà, anziani e soggetti in uscita dai servizi sociali, con disabilità psichica e psicofisica lieve, in sostituzione o in alternativa al nucleo familiare di origine”.

Cardiopolmonare2

“Si è deciso – continua il primo cittadino - di sposare in pieno la finalità di tale modello sociale/abitativo, prevedendo la ricostituzione di un ambiente di tipo familiare nel quale il disabile è seguito dagli operatori, attraverso un progetto educativo finalizzato all’acquisizione progressiva dell’autonomia nelle attività quotidiane. Tale scelta si pone in continuità con la destinazione iniziale della struttura, realizzata con destinazione a Centro Cardio-Polmonare per i silicotici e gli orfani di grande invalidi del lavoro, al fine di non rendere vane le buone intenzioni che l'hanno generata, ma applicando il principio della Resilienza, adattandosi pertanto alle esigenze sociali attuali. Inoltre, l’intervento è stato concepito in modo tale da integrare la parte della struttura che ha avuto un cambio di destinazione funzionale attraverso la creazione del Museo del Minatore”.

“Sul Parco delle Rimembranze di località Santa Barbara – conclude il sindaco Giovanni Verduci - già interessato da altri lavori che saranno consegnati nelle prossime settimane e volti a mitigare il dissesto idrogeologico, si interverrà per rendere più accogliente l’intera area, con un percorso che susciterà riflessioni mantenendo vivo il ricordo del sacrificio nei nostri minatori”.