Si è spento Nicola Catalano, una delle figure più rappresentative della cultura reggina

Intere generazioni di studenti si sono, infatti, formate dal punto di vista umano, sociale e culturale sotto la guida di questo educatore

Nicola Catalano, dirigente scolastico, già ispettore tecnico dell’Ufficio scolastico Regionale della Calabria, è deceduto l'altro ieri sera.

Il mondo della scuola reggina e calabrese, che lo ha avuto tra i suoi migliori uomini di punta sin dagli anni ’70, ne piange la scomparsa.

Noto la sua profonda cultura, la sua passione civile, la sua competenza e la sua professionalità,accomunate ad eccellenti doti comunicative e relazionali,Nicola Catalano ha interpretato nel migliore dei modi le funzioni di dirigente scolastico. Maturo di esperienze scolastiche ,Il suo quotidiano impegno era finalizzato alla crescita qualitativa del sistema scolastico reggino e calabrese in stretta sinergia con le altre istituzioni pubbliche e del privato sociale.

Maestro di vita e di cultura, in termini di competenza e di professionalità,ha rappresentato il meglio di quanto la scuola del novecento ha saputo esprimere in questa città e non solo. Va ricordato il suo profondo amore per il sapere  e per le discipline classiche, nonché per  la capacità di stimolare i giovani allievi verso una crescita umana e culturale veramente consapevole.

Intere generazioni di studenti si sono, infatti, formate dal punto di vista umano, sociale e culturale sotto la guida di questo educatore.

Catalano porta via con sé tanta sapienza e conoscenza che ha dispensato in ogni circostanza e che ci mancherà.

Il preside Nicola Catalano  lascia un felice caro ricordo della sua persona in quanti l’ hanno conosciuto e hanno avuto modo di apprezzarne le sue qualità personali.

Le esequie sono avvenute questa mattina, mercoledì 9 agosto, alle ore 10,30 presso la chiesa di San Giorgio al corso di Reggio Calabria.

di Guido Leone