Dalla cattiveria alla bellezza: sindaco e assessori in visita al Museo della Seta - FOTO

L'amministrazione condanna l'intimidazione a Filippo Sorgonà e si schiera al fianco della 'bellezza' del nostro territorio

"Questa mattina siamo stati ad Ortì a portare la nostra solidarietà a Filippo Sorgonà per il vile messaggio intimidatorio subito sabato, nell'anniversario della strage di Capaci".

A scriverlo, in un post sulla sua pagina Instagram, è il sindaco Giuseppe Falcomatà. Già nell'appuntamento live di ieri sera, domenica 24 maggio, il primo cittadino aveva manifestato la volontà di portare al concittadino la solidarietà di tutta la giunta ed in consiglio comunale e così è stato.

"Ed è stata anche l'occasione per visitare il Museo della Seta, in quella che con la Toponomastica cittadina
abbiamo voluto chiamare via della Seta, un vero e proprio gioiellino della cultura contadina che la madre di Filippo, la signora Rosa Furfari, custodisce con tanta cura e passione.

Le abbiamo chiesto ufficialmente di realizzare una sorta di vetrina del suo Museo all'interno del nuovo Museo Civico che sta sorgendo al Monastero della Visitazione di via Reggio Campi, creando una sorta di percorso culturale che inviti cittadini e turisti a riscoprire le antiche tradizioni artigiane che un tempo erano fonte di sostentamento per le aree collinari della Città e che per lungo tempo hanno reso la manifattura tessile reggina famosa e ricercata in Italia e nel mondo.

Ascoltando il suo amorevole racconto. tra un abito tradizionale, un antico filatoio e qualche preziosa stoffa finemente ricamata, abbiamo avuto la conferma di ciò che da sempre sosteniamo: la cultura vince sempre sulla violenza, la bellezza vince sempre contro la prevaricazione, l'amore vince sempre contro l'odio".

Il sindaco ha concluso:

"Grazie Filippo, grazie Rosa, per la vostra accoglienza. Noi siamo con voi".